sabato 16 Febbraio 2019
ELEZIONI ISOLA DEL LIRI

Il candidato Sindaco Diego Mancini ringrazia Marco Viscogliosi

Diego Mancini: «Marco Viscogliosi è un'autentica Risorsa, della quale in questo momento particolarmente difficile Isola del Liri non può fare a meno!»

«Sono orgoglioso dell’adesione dell’amico Marco Viscogliosi al progetto di “Un’Altra Isola”, finalizzato ad una concreta prospettiva di cambiamento per la nostra amata e meravigliosa Isola del Liri.

Marco Viscogliosi è soprattutto un Uomo Libero, assolutamente privo di condizionamenti. È un Imprenditore che è riuscito con le sue capacità professionali ed imprenditoriali a ridare vigore ad una delle più importanti e storiche aziende della nostra Città.

È dotato di una grandissima e positiva energia organizzativa e rappresenta la continuità di una delle Famiglie più illustri della gloriosa tradizione industriale Isolana.

Un’autentica Risorsa, della quale in questo momento particolarmente difficile Isola del Liri non può fare a meno!

Sento il dover di ringraziarlo, soprattutto perché umilmente e disinteressatamente ha operato una scelta coraggiosa e difficile, scendendo in campo in prima persona, esclusivamente per quel sentimento di Amore che ci lega alla nostra Isola del Liri».

Diego Mancini

4 settimane fa

Mauro Tomaselli replica a Marziale: «L’odio di classe è stato ormai superato da anni»

Mauro Tomaselli interviene sull'analisi politica fatta dall'Assessore Marziale, che divide la città in due: da una parte l’Isola dei notabili, dall’altra l’Isola del popolo.

«Ho letto le dichiarazioni dell’Assessore Lucio Marziale (clicca qui) e devo precisare anzitutto che sono d’accordo con lui con la prima parte della sua analisi. In effetti, ad Isola del Liri le cose sono abbastanza chiare. Da una parte verrà ripresentata una lista espressione di una famiglia che governa la nostra Città da circa vent’anni e che pretende di continuare ad esercitare il potere con una successione dinastica di antico stampo feudale. Dall’altra parte, invece, esiste un serio progetto di rinnovamento, che è espressione della lista “Un’altra Isola”, che propone come candidato a Sindaco l’Avvocato Diego Mancini, della quale mi onoro di far parte e che verrà composta con una piattaforma civica, superando ogni steccato ideologico.

A questa nuova formazione si stanno avvicinando elementi di varia estrazione sociale ed anche categorie di professionisti e di imprenditori tutt’altro che “notabili” ma animati esclusivamente da un coraggioso spirito di cambiamento. Evidentemente questa impostazione comincia a creare più di qualche preoccupazione a coloro che invece vogliono restare attaccati al potere e che hanno gravemente deturpato l’immagine della nostra meravigliosa Isola del Liri.

All’Assessore Lucio Marziale voglio ricordare i suoi “successi” amministrativi (si fa per dire…) ed in particolare quelli conseguiti come responsabile della cultura, per aver costretto ad emigrare in altro paese della nostra Provincia il “Liri Blues” ed aver distrutto scientificamente anche la Stagione Teatrale. Ma mi preme ricordargli anche che l’odio di classe è stato ormai superato da anni!»

1 mese fa

Marco Viscogliosi scende in campo con Diego Mancini e illustra l’ambizioso programma

Il noto imprenditore isolano si candida al Consiglio Comunale con "UN'ALTRA ISOLA" per Diego Mancini Sindaco.

«Cari concittadini di Isola del Liri, si avvicinano le elezioni per il rinnovo della Giunta Comunale.

Sono venti anni che la nostra cittadina è amministrata dalla giunta dell’amico Vincenzo Quadrini. Ciò sicuramente è piaciuto a molti, altrimenti non sarebbe stato eletto tante volte, ma forse non è piaciuto ad altri, che non si sono sentiti rappresentati adeguatamente e che ci hanno spinti e convinti a scendere in campo.

Se siete soddisfatti di come è stata gestita la nostra città fino ad oggi, votate pure tranquillamente per Massimiliano, che sicuramente è una brava persona e per tutta la sua rispettabilissima squadra.

Se invece qualcosa non vi è piaciuto o non vi è bastata l’ordinaria amministrazione e vorreste cambiare qualcosa, se pensate che Isola del Liri ha altre potenzialità da sfruttare, che voi e il vostro paese meritate di più, vi invito a votare per noi di UN’ALTRA ISOLA che sosteniamo la candidatura a Sindaco dell’amico Avv. DIEGO MANCINI, di cui ricorre oggi il compleanno, per cui ho il piacere di formulargli i migliori doppi auguri di buon compleanno e di uno straordinario successo elettorale.

Personalmente non mi sono mai occupato di pubblica amministrazione, mentre sono 36 anni che mi occupo dell’amministrazione della mia azienda, avendola trasformata da misera cenerentola, come l’ho trovata nel 1982, a brillante realtà, com’è oggi con un fatturato cresciuto di 40 volte, una occupazione triplicata e un rispetto da parte del mercato centuplicato.

Ultimamente mi sono interessato alla politica economica dell’Italia e ho maturato molte conoscenze in campo macroeconomico, che mi hanno fatto capire quanto sarebbe facile rimettere in piedi la nostra economia e quanto è altrettanto facile continuare a farla sprofondare. Ovviamente non tutti i principi validi a livello centrale sono applicabili a livello locale, ma alcuni certamente si.

Per tale motivo e desiderando vedere risorgere la nostra amata Isola dal letto dal letto di morte economica sul quale giace da qualche anno, ho accettato l’invito dell’amico Diego a dargli una mano per la prossima campagna elettorale e soprattutto nel dopo, in caso di vittoria.

Purtroppo i miei impegni lavorativi non mi consentirebbero per questa tornata di fare il Sindaco, ma sicuramente potrei essere uno dei consiglieri fondamentali, se voi lo vorrete e se mi sosterrete con molti voti.

Vorrei infatti far passare il principio che gli assessorati siano assegnati certamente in base alle competenze, ma anche alle preferenze, in modo che gli assessori siano le persone scelte da voi e non dal caso o dalle convenienze elettorali. Vorrei anche far passare la possibilità di avere due vicesindaci ognuno con deleghe specifiche, un po’ come i due vicepremier dell’attuale governo, in modo da assicurare sempre la presenza di un responsabile nella “casa comunale”.

Se me ne darete l’opportunità, dandomi tanti voti, sono certo che non ve ne pentirete e questa mia esperienza potrebbe essere propedeutica a quella di Sindaco in un secondo tempo, se voi lo vorrete.

Massimiliano oggi è fortissimo e accreditato di circa 3.000 voti. Ci saranno in campo altre liste e questo non ci aiuterà a vincere le elezioni a causa della dispersione dei voti che esse produrranno. Infatti per vincere avremo bisogno di oltre 3.000 voti e anche questo numero potrebbe non bastare per battere la corazzata Quadrini. Per questo abbiamo bisogno dell’entusiasmo e del tributo di tutti gli altri, anche di quelli che in passato non hanno votato, ed anche di quelli che politicamente simpatizzano per i simboli di partito, ma che si rendono conto dell’importanza della concentrazione dei voti e della non dispersione, per portare alle urne oltre 8.000 cittadini sugli 11.000 aventi diritto.

Per raccogliere i vostri voti non vi offriremo buoni benzina o bollette pagate o cene o promesse di lavoro o favoritismi di carriera. Tutto ciò infatti comporta un indebitamento morale nei confronti di chi fornisce le risorse necessarie ad una tale campagna elettorale e i debiti vanno poi pagati a scapito della buona amministrazione.

Vi promettiamo invece un paese migliore, più fruibile, meno costoso dal punto di vista delle imposte, più appetibile, un paese in cui il valore della vostra casa aumenterà, in cui sarà più facile trovare lavoro, in cui la raccolta dei rifiuti costerà di meno, in cui la sicurezza e il comfort cittadino aumenterà, in cui il benessere e l’offerta di cultura si accrescerà, in cui sarete felici di vivere perché sarà trasformato in un luogo di vacanza permanente, denso di eventi di ogni tipo, in cui i vostri figli e nipoti potranno trovare lavoro senza espatriare, in cui sarete orgogliosi di vivere, in cui vi sentirete padroni e compartecipi della gestione in quanto apriremo una pagina Facebook sulla quale ognuno potrà esprimere i suoi problemi, le sue riflessioni e le sue richieste e dovrà ricevere una risposta dal Sindaco o dai consiglieri entro le successive 24-48 ore.

La nostra sarà una lista civica trasversale che raccoglierà persone di tutti i partiti, da destra a sinistra. Ciò perché in una amministrazione comunale non si fanno politiche di destra o di sinistra, ma si fanno politiche per il benessere della comunità e questa non ha colore politico.

Noi vogliamo favorire tutti senza penalizzare nessuno. Vogliamo soprattutto favorire la rinascita economica del paese attraverso il turismo e un ricco calendario di eventi settimanali di tutti i tipi, da quelli culturali a quelli sportivi, da quelli gastronomici a quelli ricreativi. Ciò, oltre a portare ricchezza dall’esterno, porterà lavoro per i nostri ragazzi e porterà anche divertimento per tutti noi, che potremo vivere tante occasioni di svago semplicemente nelle nostre piazze, nei nostri teatri o lungo le nostre strade. Per far ciò ci faremo aiutare dalle locali agenzie turistiche.

Contiamo che lo sviluppo dell’offerta turistica possa far tornare di attualità e di interesse il grande hotel della cascata, con l’individuazione di un imprenditore che voglia farsene carico.

Favoriremo la crescita del numero dei residenti attraverso delle politiche di incentivazione. Ciò porterà altri introiti al Comune, ma anche richieste di alloggi, con incentivi alle costruzioni, alle ristrutturazioni e al mercato immobiliare (particolarmente nel centro storico).

Favoriremo le nuove e le vecchie imprese a venire o a restare nel nostro territorio.

Studieremo una moneta locale in argento che possa stimolare l’economia e il commercio comunale e altresì rappresentare una curiosità e una attrazione turistica, oltre a risultare un esempio e un esperimento a carattere nazionale.

Studieremo anche un sistema di cambiali comunali con scadenza a tre anni in formato cartaceo, che potranno essere spese sul territorio comunale e utilizzate per il pagamento delle tasse comunali. Con tali cambiali potremo fare quello che oggi le disastrate casse comunali non possono fare per mancanza di fondi. Lo scopo è quello di espandere la spesa pubblica favorendo l’economia locale, senza ricorrere al debito bancario o parabancario, che comporta limiti nell’erogazione e soprattutto interessi. Grazie a questa innovativa formula finanziaria, ispirata dai MiniBot studiati dal Prof. Borghi per l’Italia, contiamo di dare un grande sviluppo all’economia locale: ditte locali costituite di lavoratori locali che spendono nel territorio comunale. Pensate all’interesse dei commercianti che saranno privilegiati rispetto a quelli esterni, all’interesse delle ditte che lavoreranno col Comune e che dovranno utilizzare mano d’opera locale per pagarla con dette cambiali comunali. Pensiamo anche di fare un accordo con una banca o più banche locali per la conversione in euro di tali cambiali con uno spread negativo del 20% e una riconversione da euro a cambiali con uno spread sempre negativo, ma del 10%. In tal modo chi avesse veramente bisogno di spendere fuori territorio le sue cambiali potrà ottenere denaro corrente dalla banca a fronte di un piccolo sacrificio; chi deve pagare delle tasse comunali potrà farlo riacquistando delle cambiali dalla banca con uno sconto del 10% sull’importo dovuto e la banca avrà avuto interesse a prestarsi a tali operazioni lucrando il 10% degli importi. Dulcis in fundo, il Comune avrà avuto interesse a ricevere in pagamento le cambiali in quanto ritirandole non dovrà pagarle alla scadenza con denaro corrente.

Metteremo in piedi una vera raccolta differenziata con pagamento dei conferimenti effettuati presso le isole ecologiche che verranno realizzate.

Miglioreremo il sistema della circolazione stradale urbana, con realizzazione di tantissimi e fruibilissimi parcheggi. Saremo amici dei pedoni, ma anche degli automobilisti, nella convinzione che i primi sono in maggioranza rispetto agli automobilisti che hanno potuto parcheggiare facilmente e felicemente la loro auto in prossimità dei luoghi di loro interesse.

Creeremo un sistema di trasporto locale circolare con uno o due trenini stradali per trasportare i cittadini o i turisti nei vari punti strategici della città.

Organizzeremo visite guidate ai monumenti naturali e dell’archeologia industriale.

Faremo particolare attenzione ai portatori di handicap, affinché non trovino barriere architettoniche che ne ostacolino gli spostamenti.

Cercheremo degli sponsor per il rilancio della locale squadra di calcio.

Incentiveremo la realizzazione di una cartiera per carta a mano, in cui far vedere a turisti e scuole come nasce un foglio di carta e come si faceva la carta fino all’inizio dell’800 nelle antiche cartiere isolane.

Studieremo un sistema di navigazione del fiume per portare i turisti in prossimità delle nostre straordinarie cascate, creando lavoro per delle cooperative di giovani, in accordo con gli imprenditori idroelettrici locali.

Studieremo con l’attuale proprietà della Centrale Valcatoio una diversa diga meno invasiva da un punto di vista ambientale e che lasci sfiorare un minimo di acqua sul ciglio della cascata.

Con i proventi dei parcheggi pagheremo altri vigili per un controllo h24 e 7/7 del territorio urbano.

Favoriremo il restauro e il ripopolamento del centro storico, con l’insediamento di botteghe nel campo dell’artigianato e della enogastronomia, che possano risultare di concreta attrazione per i turisti.

Favoriremo il recupero di tutti i siti industriali dismessi per farne luoghi deputati allo sviluppo turistico e commerciale.

Ci riapproprieremo del Liri Blues e lo rilanceremo.

Sponsorizzeremo altri eventi canori come “Talent in Canto”.

Rilanceremo le stagioni teatrali, per portare ad Isola la cultura delle grandi opere del teatro italiano.

Organizzeremo eventi sportivi per maratoneti, ciclisti, ma anche motociclisti da strada e fuoristrada, gimkane e prove di regolarità per automobili sportive storiche e attuali.

Incentiveremo una scuola di moto da fuoristrada, per attrarre turisti desiderosi di apprendere le tecniche di questa specialità e contemporaneamente dare un’occupazione ad un certo numero di giovani, alternativamente alle fabbriche che non ci sono più.

Cureremo l’immagine delle nostre strade e delle nostre case, affinché chi viene a visitarci ci trovi un paese bello e affascinante, pulito e accogliente.

Questi sono solo alcuni dei punti del nostro programma, un programma ambizioso che va ben oltre l’ordinaria amministrazione che possono offrire le altre liste.

Il nostro è un progetto imprenditoriale dalle mani libere, perché non ce le saremo fatte legare né dai finanziatori della campagna elettorale, né dai partiti politici.

I nostri candidati saranno tutti scelti fra le eccellenze del territorio. Alcuni saranno nuovi della politica, come il sottoscritto, per portare innovazione e progettualità, altri saranno esperti del governo comunale, per non commettere errori nella gestione amministrativa.

Se questo progetto vi piace, ditelo a tutti e aiutateci a realizzarlo, se qualcosa non vi piace o se avete altri suggerimenti ditelo a noi.

Un forte abbraccio a tutti gli isolani da un isolano d.o.c. che ama il proprio paese e vuole vederlo rinascere e risplendere! Forza Isola e forza soprattutto UN’ALTRA ISOLA!»

Marco Viscogliosi

3 mesi fa

Antonella Di Pucchio e Progetto Comune sosterranno Diego Mancini

La battagliera capogruppo di Progetto Comune lancia la sfida: «Cambieremo radicalmente questo sistema, che prevede il passaggio della poltrona di sindaco da padre in figlio».

Il Gruppo Consiliare Progetto Comune sostiene il candidato Diego Mancini alla carica di sindaco della città di Isola del Liri.

«Cambiamento, vicinanza alle famiglie e alle persone, smontare un sistema che schiaccia i cittadini con tasse altissime e tariffe non dovute, come i passi carrabili, sono la nostra priorità – dichiara in merito la Capogruppo Antonella Di Pucchio – Occorre riprendere lavori pubblici indispensabili a partire da opere di base, come i marciapiedi, per finire con un impianto di depurazione intercomunale, moderno, efficiente e soprattutto sicuro, realizzato lontano dalle abitazioni. Cambieremo radicalmente questo sistema, che favorisce pochi a scapito dell’intera popolazione e che, dopo aver prodotto 10 milioni di euro di debiti, prevede il passaggio della poltrona di sindaco da padre in figlio».

«Isola del Liri in questi ultimi vent’anni ha visto solo opere incompiute, servizi ai cittadini inesistenti e, come unica struttura sportiva per i giovani, il campo di calcio del Nazareth. Hanno voluto una città vuota di giorno e frequentata di notte, ma solo nel week-end. Quando piove non si può camminare né a piedi né in auto. Una città da rifare» continua la Di Pucchio.

«Romperemo questo sistema e restituiremo Isola agli isolani. Diego Mancini è il sindaco che può garantire onestà, competenza, ascolto di tutti i cittadini dalle periferie al centro. Diego Mancini è l’unica persona che può dare garanzie a tutti» conclude la Capogruppo.

4 mesi fa

L’Avv. Diego Mancini si candida a Sindaco di Isola del Liri

In un'affollata conferenza stampa, il noto professionista isolano ha spiegato i motivi della propria candidatura e le linee guida del programma della lista civica "UN'ALTRA ISOLA".

Questo l’intervento dell’Avv. Diego Mancini: «Dopo un periodo di lunga riflessione ho deciso di accettare la Candidatura alla Carica di Sindaco di Isola del Liri. La proposta mi è stata avanzata l’Estate scorsa da numerosi Amici ed anche da ambienti politici di diversa collocazione della nostra Città.

Devo confessare che inizialmente ero perplesso per questa inaspettata richiesta. Conoscete la mia Storia Politica, che non rinnego assolutamente, anche se l’evoluzione dei tempi e le vicende degli ultimi venti anni mi hanno spinto ad allontanarmi da quella mia vecchia passione.

Ma, dopo aver meditato a lungo in questi ultimi tre mesi e soprattutto dopo aver preso atto delle sollecitazioni e dell’incoraggiamento da parte di persone ed ambienti di variegata estrazione, pur non nutrendo particolari ambizioni – (anche perché proprio la mia Storia Politica riflette una mia personale avversione alla mera gestione del potere, ovviamente inteso in senso negativo) – ho dovuto assumere questa decisione per non manifestare un atteggiamento di pavidità e di disimpegno e per dovere di responsabilità nei confronti della mia Città.

Dal che è la scaturita l’adesione a candidarmi per costruire UN’ALTRA ISOLA, insieme a Coloro che vorranno condividere con me questa difficile avventura.

UN’ALTRA ISOLA, appunto, perché la convinzione che ho maturato in questi ultimi anni (e ancor più negli ultimi mesi), ascoltando gli amici, la gente comune, le tante persone che incontriamo quotidianamente in giro per le nostre attività lavorative, è che la nostra Isola del Liri, soprattutto per la presenza delle nostre stupende Cascate, è una delle cittadine più belle e caratteristiche della nostra Nazione ma che non è adeguatamente conosciuta, valorizzata ed apprezzata.

Abbiamo vissuto, invece, negli ultimi venti anni, un lenta e progressiva involuzione rispetto ad una serie di situazioni che sono sotto gli occhi di tutti e mi riferisco:

  • all’aspetto generale e al decoro urbano che, purtroppo, la nostra Città manifesta ad un visitatore esterno;
  • alla tutela dell’ambiente e alla minaccia dei rischi idrogeologici che scaturiscono dal nostro fiume;
  • alla necessità di una crescita sociale, culturale ed economica;
  • alla necessità di migliorare i servizi generali offerti ai cittadini ed ai turisti;
  • alla necessità di offrire loro più sicurezza;
  • alla necessità di garantire più dignità sociale soprattutto alle fasce più deboli;
  • alla necessità di creare opportunità e prospettive per i giovani e per le nuove generazioni,
  • alla promozione ed allo “sfruttamento” delle nostre ricchezze naturali, ambientali, paesaggistiche ed architettoniche, (compreso l’immenso patrimonio di Archeologia Industriale): ricchezze (appunto) che da sole avrebbero (da tempo) dovuto sostenere la riconversione della nostra struttura economica da industriale a turistico/ricettivo.

Basta ricordare, a supporto di questa lenta e progressiva decadenza alcuni dei casi più eclatanti di cui si è parlato molto anche in questi tempi.

  1. In venti anni non si è riusciti a realizzare l’impianto di depurazione (Isola del Liri è uno dei ormai pochissimi Comuni della Regione e credo d’Italia a non avere un impianto di depurazione): si continua a scaricare le acque reflue nel nostro fiume e l’amministrazione comunale si è chiusa in un colpevole silenzio nei confronti del gestore idrico.

Rischiamo di perdere l’ennesima occasione per realizzare il depuratore comunale !!!!!…..

  1. Non si è riusciti, (anche qui con un colpevole silenzio delle amministrazioni comunali di Isola del Liri e di Castelliri), a completare il Canale Scolmatore opera di cui si parla da oltre venti anni, per la quale sono stati già spesi decine e decine di milioni di euro e che dovrebbe salvaguardare il centro cittadino e la zona a valle dalle ondate di piena del fiume Liri.

Com’è noto, i lavori  iniziati più una ventina di anni fa, sono fermi e forse non saranno mai completati, perché all’inizio di quest’anno la Regione Lazio, con Determina del 15 Gennaio 2018 della Direzione Generale Regionale delle Politiche Ambientali, ha deciso, infatti, di archiviare l’istanza relativa al Procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale.

E ciò nonostante l’avvenuta realizzazione di costosissimi lavori, tra i quali una lunghissima galleria sotterranea di circa tre chilometri,  già realizzata sotto la collina di San  Sebastiano e sotto il Colle Mazzetti.

  1. Lo stato generale delle strade della nostra Città è a dir poco vergognoso e dopo tanti anni, proprio in vista delle prossime elezioni, è stato promesso il rifacimento di tutto il tratto stradale della S.S. 82, grazie però ad un intervento dell’ASTRAL s.p.a.

Me lo auguro vivamente per la nostra Città.

(Doveva essere un Isola 2.0 si è trasformata invece in un Isola 30, inteso però come limite di velocità per sopperire al problema delle buche e dei risarcimenti assicurativi che giornalmente arrivano in Comune).

Si pretende, però, il pagamento dei passi carrabili in Via Fontana Pasquariello, in Via Tombe, in Via Capone Bottiglione, in Via Magnene ed in tante altre stradine di periferia, che tuttavia si trovano uno stato pietoso, con il manto stradale ed i marciapiedi (dove esistono) in condizioni di generale di abbandono.

  1. Due manifestazioni che erano il fiore all’occhiello dell’offerta culturale isolana sono state cancellate o costrette all’esilio.

Mi riferisco espressamente alla Stagione Teatrale (una delle poche e delle prime in provincia di Frosinone) ed al Liri Blues (manifestazione culturale principe per 30 anni a livello provinciale, regionale e nazionale).

E’ impensabile il Cinemateatro Mangoni senza la sua Stagione Teatrale ed una piazza Boncompagni senza il Liri Blues.

Dovranno ridiventare i cardini dell’offerta culturale di Isola del Liri.

  1. Qualche anno fa Isola del Liri era famosa perché veniva definita “Il Salotto della Ciociaria”.

Adesso è di moda il fenomeno della “movida”.

Nessun preconcetto contro questa nuova tendenza notturna, che tuttavia merita di essere opportunamente disciplinata, mentre allo stato attuale – (come purtroppo è stato riportato anche da cronache recenti) – è vissuta senza nessuna forma di controllo, di governo e di programmazione e lasciata quindi in balia di pochi esagitati che con le loro bravate a tarda ora gettano purtroppo un’ombra su tutta la Città.

  1. Si impone la chiusura pedonale del Centro Storico, senza che si sia affrontato prioritariamente il problema dei parcheggi.

Piazza Trito rappresenta l’emblema del fallimento dell’amministrazione di questi ultimi venti anni.

Un parcheggio interrato imposto da oltre 15 anni contro la volontà popolare – (ricordiamo l’intervento della polizia per permettere lo svolgimento di quel Consiglio Comunale) – e adesso ridotto in condizioni disastrate.

Il Palazzo Purini che doveva sorgere sopra il parcheggio ed invece la fotografia attuale è l’abbandono totale e lo stato di degrado dell’area che tutti conosciamo.

Per non parlare poi del parcheggio multipiano di Via San Giuseppe, legato all’altra vergognosa vicenda della riconversione dell’ex Feltrificio Pisani, nel quale (oltretutto) non si riesce nemmeno ad installare un dispositivo per permettere ai disabili di accedere alla Galleria.

Il parcheggio multipiano forse poteva già completato, ma invece l’amministrazione ha destinato ad altri interventi i finanziamenti che potevano essere utilizzati, optando ad esempio per il rifacimento del manto erboso dello Stadio Nazareth (che in tempi come quelli attuali probabilmente non rappresentava una priorità).

Piazza SS.Triade e l’ex lavatoio di San Giuseppe: due dei posti più caratteristici del nostro Centro Storico cittadino sono diventati l’emblema dell’incuria, dell’abbandono, del degrado e del fallimento delle politiche di questa amministrazione nell’ultimo ventennio.

  1. In questi venti anni ancora non si è riusciti a completare, a dare un senso, un utilizzo, una possibilità di fruizione alla Antica Cartiera Lefevre, (con il suo parco), alla macchina continua, all’Acquario, all’antico pastolegno alle spalle del Castello Boncompagni-Viscogliosi: tesori dell’archeologia industriale che da soli avrebbero dovuto rappresentare l’orgoglio del nostro passato industriale ed operaio ed al tempo stesso la carta vincente per un riscatto sociale, culturale ed economico della nostra Città.

E ciò riflette, evidentemente, la mancanza di una programmazione seria.

Non è stato neanche ipotizzato un coinvolgimento dei privati proprietari del Castello Boncompagni-Viscogliosi e di Villa Mangoni nell’ultima recente iniziativa della Regione Lazio, tendente a valorizzare e promuovere, attraverso la creazione di una Rete, le ville e le dimore storiche del Lazio, compresi i parchi e i giardini, che hanno un particolare valore storico-artistico, ambientale, architettonico e culturale mettendo anche loro a disposizione fondi regionali per interventi di restauro conservativo, di manutenzione straordinaria e di miglioramento della loro accessibilità e della loro fruizione.

Per informazione, ad Isola del Liri solo Villa Nota-Pisani è inserita in questa Rete e sarebbe opportuno informare e sensibilizzare i proprietari del Castello e di Villa Mangoni ad aderire alla Rete regionale, con l’obiettivo di creare ad Isola del Liri un vero e proprio polo attrattivo rispetto alla bellezza ed al valore storico-artistico di questi siti.

  1. Si sta incredibilmente cancellando la memoria di uno dei personaggi più illustri di Isola del Liri, il Prof. Giustiniano Nicolucci – (antropologo, medico, professore universitario, parlamentare nel primo Parlamento dell’Italia unita a Torino) – senza che si sia riusciti in questi venti anni a far nascere, presso la sua casa natale, un museo che ne ricordasse le opere e la figura.

Il 12 Marzo 2019 ricorrerà il bicentenario della nascita del nostro illustre concittadino e nessun evento che coinvolga tutta la città, le scuole e soprattutto i giovani crediamo sia in programma.

Probabilmente, per gli attuali amministratori, questi eventi non rientrano nella idea di salvaguardare la nostra memoria storica, mentre si privilegia più attentamente lo sballo del sabato sera.

  1. Ma l’aspetto che intendo valorizzare maggiormente in questa mia complicata avventura è senza dubbio la tutela del Grande Patrimonio di Isola del Liri: le nostre meravigliose Cascate.

Poco più di un anno fa, l’8 Novembre 2017, il Consiglio Comunale della nostra Città approvò all’unanimità un Documento proposto dai Gruppi Consiliari di minoranza per sollecitare l’UNESCO ad inserire la Cascata Grande nell’elenco delle aree classificate come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Da allora, però, nessun passo significativo si è registrato e l’istruttoria sembra ferma. Credo che sia doveroso insistere per dare un energico impulso a questa iniziativa. Personalmente ritengo utile anche la proposta formulata da alcuni nostri Concittadini di istituire una specifica delega assessorile per la tutela del fiume Lire e delle nostre Cascate. Noi Isolani abbiamo questa fortuna immensa ed abbiamo il dovere di preservarla, manifestando sempre il nostro Amore per questa splendida ricchezza che il Buon Dio ci ha donato.

Non voglio tediarvi ulteriormente e concludo precisando che intendo impostare la futura campagna elettorale con uno spirito di proposta e non di contrasto. Dopo un ventennio ogni epoca è destinata a finire. E negli ultimi tempi nella nostra Città si avverte un’ansia di cambiamento. Per questo – ripeto dopo lunga e ponderata riflessione – ho deciso di rispondere positivamente alle sollecitazioni che mi sono pervenute per dare un contributo ad una nuova stagione per Isola del Liri.

Due anni fa ho attraversato un momento particolare per la mia salute. Fortunatamente sono riuscito a superarlo e spero che la Divina Provvidenza mi continui benevolmente a proteggermi. Non sono in grado di fare promesse ma solo di assicurare il mio personale impegno. Mi accingo a farlo con la massima umiltà e con la disponibilità ad ascoltare i consigli ed i suggerimenti che mi verranno dati da tutti i nostri Concittadini e da Coloro che vorranno condividere con me questa impegnativa esperienza. A loro chiederò costruire insieme UN’ALTRA ISOLA.

Un’Isola più bella, più pulita, più ordinata e più sicura.

Un’Isola che sia in grado di sviluppare tutte le sue bellezze e le sue potenzialità culturali, artistiche, architettoniche ed essere un punto di riferimento turistico – ricreativo per tutta la Provincia e per tutta la Regione Lazio.

Un’Isola in cui il visitatore, anche occasionale, trovi servizi e abbia la possibilità di conoscere la storia e le bellezze della Città, oltre alla Cascata Grande che incontra per strada.

Un’Isola che, in collaborazione con gli altri centri vicini, risollevi le sorti di questa parte del territorio provinciale, con una crescita delle infrastrutture (in primis viarie) e dei servizi offerti (ed il pensiero non può che andare al lento e costante depotenziamento dell’Ospedale di Sora ed alla dolorosa perdita della Sede Distaccata del Tribunale di Cassino).

Un’Isola che sappia ascoltare le istanze ed i problemi dei cittadini, soprattutto delle fasce più deboli, e che sappia dare loro delle risposte e soprattutto che queste risposte siano considerate un dovere da parte degli amministratori e non un favore.

Un’Isola che sappia affrontare, tutti insieme, una profonda riflessione rispetto alla sua crescita urbana e al suo futuro.

E non possiamo pensare al futuro della nostra città se non coltiviamo una memoria urbana che è fatta di storie, di personaggi, di eventi ma che è fatta anche di strade, di piazze, di edifici ed anche di vuoti.

Un intreccio che custodisce il nostro passato e dal quale dobbiamo ripartire se vogliamo pensare UN’ALTRA ISOLA, un’Isola del futuro che sappia coniugare le esigenze di una città moderna (parcheggi, spazi aggregativi e versatili, servizi per i residenti e per i visitatori ecc.) con la conservazione della sua storia, delle sue tradizioni, delle sue memorie.

E partendo da questi pochi ma essenziali spunti che, insieme a tanti Amici ed a tutti Coloro che si vorranno aggiungere al nostro progetto, sarà indispensabile superare ogni steccato ideologico per costruire in questi sei mesi che ci separano dalle elezioni il programma amministrativo di UN’ALTRA ISOLA, con una piattaforma assolutamente civica, insieme alla squadra che mi accompagnerà in questa esperienza, chiamando ad una fattiva collaborazione tutte le Isolane e gli Isolani, al di sopra delle diverse convinzioni politiche, per il bene superiore di Isola del Liri.

Grazie, grazie e grazie ancora ai Colleghi degli Organi di Stampa e di Informazione, a Voi tutti per la vostra presenza oggi e per il sostegno che non mi farete mancare in questi mesi ma grazie soprattutto per tutto quello che, ne sono sicuro, farete per contribuire a migliorare, a far crescere la nostra Isola. UN’ALTRA ISOLA.

Come giudichi Sora24? Clicca qui e partecipa al sondaggio per aiutarci a migliorare!
Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a info@sora24.it o telefonare al Numero Verde 800-090501.
EVENTI E CULTURA

La partecipazione è gratuita, ecco come iscriversi.

NECROLOGI

I funerali si sono svolti ieri a San Bartolomeo.

CRONACA

L'annuncio di lavoro è stato reso noto proprio oggi.

SPONSOR

Venerdì 22 Marzo, a partire dalle ore 19:00, una imperdibile serata ricca di sorprese in stile nipponico!

SPONSOR

I preziosi consigli dell'Officina Ufficiale Toyota presso Golden Automobili a Frosinone.

SPONSOR

Oppure con finanziamento PAY PER DRIVE Yaris Hybrid è tua da € 150 al mese e restituisci l'auto quando vuoi. Ti aspettiamo oggi stesso presso Golden Automobili, concessionaria Toyota per Frosinone e provincia.

SPONSOR

Presentata al Salone Internazionale di Ginevra 2019, sarà la vettura che rivoluzionerà la mobilità degli italiani e non solo.

SPONSOR

XClass di Frosinone tra le concessionarie Land Rover protagoniste della serata di lancio del nuovo City Suv compatto, finalmente svelato al pubblico della città eterna.

SPONSOR

Venite a scoprirla oggi stesso presso Golden Automobili, Concessionaria Toyota per Frosinone e provincia.

SPONSOR

Venite e conoscere tutti i dettagli dell'EcoBonus. Vi aspettiamo oggi stesso presso le concessionarie Jolly Auto del Gruppo Jolly Automobili, a Frosinone e Sora.

SPONSOR

Nuovo balzo innovativo della casa francese. Per avere ancora più informazioni sui nuovissimi propulsori, venite oggi stesso da Jolly Automobili, concessionaria Peugeot per Frosinone e provincia.