6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 755 VOLTE

Emergenza idrica: consentito solo l’uso civile dell’acqua potabile

A Sora è fatto divieto assoluto di utilizzare l’acqua potabile per usi diversi da quello civile. In particolare, i cittadini non potranno impiegare l’acqua dell’acquedotto per innaffiare giardini, orti, colture agrarie, ecc. Lo ha stabilito il Sindaco Ernesto Tersigni con l’Ordinanza n. 9957 del 17 aprile 2012. Il divieto, con decorrenza immediata, resterà in vigore “fino a cessate esigenze” ovvero fino a quando durerà lo stato di siccità. Ai contravventori dell’ordinanza verranno applicate le sanzioni previste dalla legge.

L’emergenza idrica è stata portata all’attenzione del Comune di Sora dall’Acea Ato5. Il gestore, in una nota del 3 aprile scorso, ha fatto presente che il territorio è colpito da una grave carenza idrica, causata dall’attuale stato di siccità. Le scarse piogge durante il periodo autunnale ed invernale hanno portato ad un impoverimento delle principali sorgenti presenti nella Provincia di Frosinone (Madonna di Canneto, Capo d’Acqua di Veroli, Capofiume e Val San Pietro). Il Sindaco Tersigni ha ritenuto, quindi, indispensabile  intervenire, predisponendo quanto necessario per assicurare alla cittadinanza l’acqua potabile per usi civili e per prevenire possibili disagi nell’erogazione del servizio-acquedotto. Il testo integrale dell’ordinanza sindacale è pubblicato all’Albo on-line del Comune di Sora, sul sito Internet www.comune.sora.fr.it.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu