6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 2.035 VOLTE

Esculsa la lista di Giorgio Rea dalla Conca di Sora. Antonio Di Scanno è in pole position per prendere le deleghe da Tersigni.

La commissione della Conca di Sora ha escluso la lista di Giorgio Rea, l’ex assessore ai lavori pubblici appena defenestrato dal sindaco Tersigni, per vizio di forma sulla presentazione delle firme. Al momento dunque la lista del presidente uscente Angelo Prospero (e appoggiata tra gli altri dallo stesso sindaco) è l’unica in gara. E quindi vincente. Il problema che ha portato all’esclusione la lista del pidiellino Rea sembra legato al fatto che il 90% delle firme sia stato autenticato dal consigliere provinciale Fabio Forte.

Adesso si scatena però pure la guerra giuridica tra le due fazioni in corsa, quella di Prospero opposta a Rea. Quest’ultimo che sulla Conca ha disobbedito agli ordini di squadra di sindaco e maggioranza, in questa esclusione dalle elezioni avrebbe visto una gestione dispotica della Conca amministrata da 15 anni dal presidente uscente Prospero, bersaniano di ferro. Tuttavia “io faccio ricorso”, annuncia Rea: “Sono ottimista – aggiunge l’ex assessore – abbiamo le nostre carte da giocarci”. Dunque la partita sulla Conca potrebbe riaprirsi.

Il 20 novembre è la data per le elezione al rinnovo del CDA e presidenza del consorzio di bonifica sorano. Considerato il probabilissimo ricorso di Rea le elezioni potrebbero slittare. Ma intanto Prospero resta presidente in attesa di sviluppi in una guerra che si annuncia senza quartiere. Intanto l’ingegnere Antonio Di Scanno è in pole position per prendere le deleghe che il sindaco di Sora ha avocato a sé dopo aver cacciato dalla sua giunta Rea, 32 anni e primo degli eletti con 530 voti alle comunali. Di Scanno, 53 anni, è un tecnico molto conosciuto in città, cugino del consigliere comunale e capogruppo Pdl Salvatore Meglio. Nelle prossime ore potrebbe arrivare l’ufficialità.

Il Direttore Responsabile di Sora24 – SACHA SIROLLI

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu