6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 980 VOLTE

Falsa la notizia diffusasi nel pomeriggio della morte dell’operaio. Marco Capodiferro è in prognosi riservata ma vivo

Era falsa la notizia diffusasi ieri pomeriggio della morte di Marco Capodiferro, l’operaio 46 enne di Lenola rimasto folgorato due giorni fa ad
Acuto mentre stava riparando una linea Enel, una delle le tante messe a dura prova dall’ondata di maltempo di questi giorni. L’uomo era stato ricoverato al S. Eugenio di Roma in prognosi riservata per le ustioni riportate alle braccia ed alle gambe. Le sue condizioni apparivano serie ma non gravissime. Ieri invece si è diffusa la voce, alimentata anche da un lancio di agenzia ANSA, della sua morte.

Una falsa notizia che per qualche ora ha alimentato un flusso di messaggi di cordoglio e di partecipazione; giunti, tra l’altro, dalla stessa Enel e dal presidente del consiglio regionale Mario Abruzzese. Una verifica effettuata presso Il comandante dei carabinieri della stazione di Anagni, Cap. Costantino Airoldi, ha permesso invece di chiarire che il povero operaio era ancora in prognosi riservata, ma vivo.

Paolo Carnevale

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu