2’ di lettura

Famiglie con bambini autistici rifiutate dal centro termale: sdegno sul social. La struttura si difende: «Non è vero»

La notizia finisce sui giornali nazionali. Sulla vicenda interviene anche il Sindaco: «Questo episodio, seppur grave, non può e non deve rappresentare la città di Ferentino, da sempre inclusiva».

La vicenda che ha visto contrapposte alcune famiglie con figli autistici e una struttura termale di Ferentino è finita sui principali giornali nazionali. «Ragazzi autistici? No grazie. E l’albergo delle terme cancella la prenotazione di una decina di famiglie con i figli “speciali”», questo il titolo de “la Repubblica“, che ha riportato anche un audio con la telefonata alla struttura. «Albergo rifiuta comitiva con ragazzi autistici», ha scritto invece il Messaggero.

In sintesi, le famiglie dei ragazzi diversamente abili sostengono di esser state discriminate e rifiutate dall’albergo perché avrebbero portato al seguito i loro figli autistici. La struttura, dal canto suo, ha replicato di non aver rifiutato i clienti bensì di aver fatto presente al referente delle famiglie in questione di non avere spazi adeguati per ospitare i ragazzi stessi.

Sulla vicenda è intervenuto il Sindaco della città gigliata, Antonio Pompeo, che ha dichiarato:Questo singolo episodio, seppur grave, non può e non deve rappresentare la città di Ferentino che ha da sempre dimostrato grande attenzione nei confronti delle persone con maggiori difficoltà. Ferentino è da sempre una città inclusiva, solidale e costantemente impegnata nel sociale. E questo non soltanto attraverso le azioni messe in campo dall’Amministrazione comunale ma anche grazie alle associazioni cittadine e a tanti privati che donano parte del loro tempo per gli altri. Ho personalmente parlato con i responsabili della struttura, i quali si sono resi disponibili a chiarire la vicenda sulla quale faremo luce. Ma vorrei cogliere l’occasione per invitare le famiglie a contattarmi affinché io possa organizzare, oltre a un momento di chiarimento tra loro e la struttura, anche un soggiorno presso la nostra città, dove queste famiglie avranno modo di constatare con i loro occhi quello che realmente facciamo. Cito come esempio, anche, perché è un’opera di cui andiamo orgogliosi il parco inclusivo a Ponte Grande e mi piace ripetere le parole che usai in quella circostanza: “Non è semplicemente uno spazio fisico, di condivisione e di incontro tra le persone ma ha un significato più profondo che guarda all’inclusione reale e alla solidarietà”. Questa è la nostra città e descriverla in maniera diversa sarebbe ingeneroso nei confronti dei suoi cittadini”.

Questa, invece, la ricostruzione della vicenda da parte dell’azienda: «Terme Pompeo è stata contattata a metà Novembre da parte di un gruppo di famiglie per una richiesta di soggiorno nel periodo di Capodanno. Alla segnalazione della presenza di dieci ragazzi autistici, la Direzione ha opportunamente ritenuto di dovere approfondire le modalità con le quali organizzare il soggiorno, contattando la referente del gruppo e mettendo a disposizione personale specializzato per trovare una soluzione ideale per i ragazzi, sottolineando le possibili necessità specifiche dovute agli spazi della struttura alberghiera e premurandosi di sapere se la presenza di molte persone ed una serie di fattori come musica e fuochi d’artificio, tipici di Capodanno, avrebbero richiesto accortezze particolari. Il dialogo telefonico si è concluso con la decisione della referente del gruppo di famiglie di NON procedere con la prenotazione, ma da parte di Terme Pompeo non è mai stata negata la disponibilità al soggiorno. Se abbiamo sbagliato e se abbiamo urtato la sensibilità di qualcuno – sottolineano dalla Direzione – non era nostra intenzione farlo e di questo chiediamo comunque scusa. Ma la notizia di un “rifiuto ad accogliere un gruppo di ragazzi autistici” da parte di Terme Pompeo non solo non è vera così per come è apparsa ma rattrista e addolora la dirigenza e i dipendenti».

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Coronavirus: la situazione complessiva nel Lazio

La ripartizione complessiva dei casi dall'inizio della pandemia.

Peste bubbonica: nuovo allarme dalla Cina

Un bimbo di tre anni ha contratto il morbo nel sud del Paese.

Napoli, bambino si lancia dal decimo piano e muore. Aveva appena 11 anni

Il Dramma intorno alla mezzanotte nella zona di Mergellina.

4 Ristoranti di Alessandro Borghese a Frosinone. Quali saranno i locali partecipanti alla trasmissione?

Alessandro Borghese è stato avvistato stamani a Frosinone con il suo Peugeot Traveller.

Bando di concorso in Banca d'Italia: requisiti, prove e come partecipare

Banca d'Italia seleziona 30 laureati in ingegneria e statistica per assunzioni a tempo indeterminato. Candidature online entro il 27 ottobre.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...