4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 276 VOLTE

Ferrovia Avezzano-Roccasecca, CGIL e Rete Studenti Medi: “La chiusura della tratta è un attacco alla mobilità ed al diritto allo studio”

La tratta ferroviaria Avezzano-Sora-Roccasecca lega, da oltre cent’anni, l’area della Marsica alla Valle del Liri e al Cassinate rappresentando da sempre elemento di crescita e di sviluppo del territorio. Ad oggi sono centinaia gli studenti e i lavoratori che viaggiano quotidianamente su tale tratta per raggiungere le scuole superiori del sorano, l’Università di Cassino e i proprio luoghi di lavoro.

Come CGIL e Rete degli Studenti Medi riteniamo che la chiusura di questo tratto ferroviario o il suo depotenziamento rappresenti un forte attacco alla mobilità e al diritto allo studio. Per questo invitiamo la cittadinanza tutta a mobilitarsi in difesa del tratto ferroviario Avezzano-Sora-Cassino e chiediamo con forza che le amministrazioni delle regioni Lazio e Abruzzo e gli enti locali interessati convochino Trenitalia per individuare una soluzione che mantenga attiva la tratta e, anzi, la potenzi per garantire il diritto alla mobilità e il diritto allo studio.

“La chiusura del ferroviario e il servizio di pullman sostitutivi crea molti problemi di ritardi agli studenti, – dichiarano Guido Tomassi, Segretario Generale della CGIL di Frosinone, e Matteo Oi, Segretario della Rete degli Studenti Medi – per questo riteniamo serva un lavoro sinergico tra le Regioni Lazio e Abruzzo e Reti Ferroviarie Italiane. Garantire il diritto allo studio dev’essere un’assoluta prerogativa per qualunque buon amministratore.”

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu