6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 538 VOLTE

Forza del Sud Sora polemizza sull’istituzione del nuovo ufficio assicurativo comunale

“ L’ufficio assicurativo al Comune ? Serve solo per creare nuove poltrone”

A seguito dell’atto deliberativo della Giunta Comunale n. 405 del 17 novembre u.s. con l’obiettivo d’istituire l’ufficio assicurativo nel nostro Comune l’attuale squadra di governo tenderà di far passare, tale iniziativa, come utile servizio a favore della comunità ma, dal mio punto di vista, l’idea servirà, presumibilmente, per accontentare altri amici con due nuovi incarichi. Con la su citata delibera, questa maggioranza, intenderà aprire un nuovo ufficio denominato “ufficio delle assicurazioni” composto da un Avvocato (incarico esterno), un Perito Assicurativo (incarico esterno) e un Impiegato Amministrativo (da individuare tra le professionalità interne), gli stessi,hanno potere di gestione, funzioni conciliative e di perizia e,particolarmente, quelle dell’individuazioni delle offerte più idonee al fine di soddisfare le esigenze di copertura dei rischi. E’ opportuno precisare che resto favorevole a qualsiasi iniziativa che tende sempre a migliorare la qualità del servizio a favore del cittadino ma, purché il tutto venga fatto in economicità e nel rispetto delle regole.

La Giunta, ritiene di realizzare questo nuovo ufficio poiché “l’affidamento del servizio di Broker rappresenta una duplicazione e l’eliminazione di questo comporta un risparmio di spesa”, tutto ciò è falso e demagogico, semmai, e chiaro lo spirito di creare nuove poltrone finalizzato sempre più allo sperpero del denaro pubblico in un momento di così grave crisi. In effetti, l’incarico all’Avvocato costerà circa 12.000,00 Euro e orientativamente la stessa cifra servirà per  il Perito Assicurativo, pertanto, la creazione dell’ufficio assicurativo comporterà una spesa di  circa 25.000,00 Euro all’anno senza poi dimenticare il costo dell’impiegato amministrativo.

Ricordo che, la “disciplina in tema di conferimento di incarichi di consulenza da parte di enti e organismi pubblici è intesa ad evitare che si possa verificare uno spreco di risorse dell’ente pubblico, mascherando per consulenza un’attività che può essere svolta da personale interno dall’amministrazione e già da quest’ultima retribuito; la pubblica amministrazione, in conformità al dettato di cui all’art. 97 della Costituzione, uniforma i comportamenti ai criteri di legalità, economicità, efficienza ed imparzialità, dei quali diviene corollario il principio secondo cui la stessa, nell’assolvimento dei propri compiti istituzionali, deve avvalersi prioritariamente delle proprie strutture organizzative”.

Per tutto ciò, confido ancora che la Giunta possa rivedere la problematica  e revocare la deliberazione di che trattasi e procedere, mediante gara d’appalto ai sensi dell’art. 106 del D,Lgs. n. 209 del 07/09/2005, per poterne regolare definitivamente l’intera  gestione assicurativa.

Il coordinatore Massimiliano Bruni

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu