1’ di lettura

FROSINONE – La Provincia dona telefoni cellulari ai pazienti ricoverati

A causa dell'emergenza Coronavirus, i pazienti degli atri reparti non possono essere visitati dai familiari. Un gesto per alleviare il dolore di chi soffre. Nessuno va lasciato solo. L'Ente coprirà anche tutti i costi relativi al traffico telefonico.

L’Amministrazione provinciale di Frosinone mantiene fede all’impegno di vicinanza, solidarietà e sostegno con l’Azienda sanitaria locale che sta affrontando, con enorme sforzo e professionalità, il drammatico momento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Una situazione difficile e critica soprattutto per i pazienti delle strutture ospedaliere e per le loro famiglie che, proprio per contenere al massimo tutti i rischi del contagio, non possono recarsi più a far visita ai loro cari per precise disposizioni dell’autorità sanitaria.

Per questo, per dare un segnale di vicinanza e di comprensione della loro sofferenza in queste circostanze, il Presidente Antonio Pompeo ha pensato di donare sei telefoni cellulari, tutti dotati di schede e sim attive, attualmente in dotazione dell’Ente, che coprirà anche tutti i costi relativi al traffico telefonico.

Abbiamo pensato ad un piccolo gesto, concreto e immediato, – spiega il presidente della Provincia di Frosinone – per aiutare i pazienti ricoverati a comunicare con le proprie famiglie. In questi frangenti, in cui fondamentali e irrinunciabili sono le cure di medici e infermieri, che ringraziamo ogni giorno per quanto stanno facendo, anche la voce di un familiare, un parente, un amico può alleviare almeno in parte il dolore e lo sconforto. È per questo che speriamo di aiutare i malati che non possono comunicare con l’esterno e che, invece, hanno più bisogno di altri, ora, di sentire il calore di un abbraccio e di un sorriso anche se a distanza“.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Offerte valide dal 24 al 30 Settembre 2020.

Benefici dello yoga per corpo e mente

I vantaggi dello yoga non sono solo la possibilità di piegare il tuo corpo come un pretzel.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...