5 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 652 VOLTE

Gabriele Savona sui dati ARPA: Polveri sottili, che succede?

Polveri sottili, che succede? Dopo la pubblicazione dei dati dell’ARPA che hanno destato una certa preoccupazione nei cittadini di Sora, notiamo con stupore che ancora l’amministrazione comunale non si è attivata per richiedere collaborazione agli enti preposti.

Il rapporto dell’ARPA riguardate il periodo tra il 1 febbraio e il 13 febbraio 2012 si chiudeva con la disponibilità dello stesso ente a predisporre un’ulteriore campagna di monitoraggio per capire l’effettiva quantità di alcuni inquinati, quali PM 10, PM 2,5 e ozono, inquinanti che la comunità scientifica sospetti molto nocivi alla salute umana.

Nel territorio di Sora non esiste alcuna centralina di monitoraggio della qualità dell’aria, eredità lasciata dalle precedenti amministrazioni comunali, ma nonostante ciò ancora oggi notiamo che l’attuale governo della Città non si impegna per salvaguardare la qualità dell’aria,o almeno capire cosa effettivamente respiriamo.

In passato la città ha subito l’istallazione di una turbogas all’interno del tessuto urbano, senza poter chiedere ed ottenere adeguate opere compensative, la presenza della turbogas ha rappresentato la certezza che una grande industria come la Burgo rimanesse nel comprensorio con la ricaduta occupazionale che ne conseguiva, peccato che ancora oggi non si è fatto niente per capire gli effetti sulla salute umana di un impianto così importante.

Ad un anno dall’insediamento dell’attuale giunta chiediamo di impegnarsi di più per ottenere, almeno, da parte dell’ARPA, ente che già si è reso disponibile,  di programmare una serie di campagne di monitoraggio della qualità dell’aria, inoltre chiediamo che l’amministrazione si renda portavoce presso la Regione dell’installazione di una centralina di monitoraggio.

Gabriele Savona – Segretario di Sora In Movimento

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu