1’ di lettura

Gilberta Palleschi: nulla di fatto. Ma le indagini procedono e Sora deve evitare la psicosi

Le ricerche di Gilberta Palleschi sono giunte al quarto giorno, ma mentre scriviamo non vi sono novità sulle operazioni portate avanti da Carabinieri e Vigili del Fuoco nella zona di San Martino a Broccostella. La docente sorana non si trova, per ora. Per quanto riguarda il fronte delle indagini, come abbiamo avuto modo di ascoltare nei Tg nazionali e di leggere sulle principali testate locali, pur non tralasciando nessuna ipotesi, si farebbe strada quella dell’aggressione.

Gli inquirenti avrebbero ascoltato uno o due uomini in questi giorni, forse ritenuti in grado di fornire indicazioni sulla vicenda. Tuttavia, essendo le indagini coordinate dal sostituto procuratore, la dott.sa Siravo, oramai blindatissime, non è possibile fornire elementi ufficiali emersi a margine degli stessi interrogatori.

Nel frattempo in città si avverte un po’ di timore tra la popolazione. È fin troppo ovvio il fatto che i sorani si pongano domande sul destino della docente, sperando ovviamente in un lieto fine: chi non lo farebbe? Ciò che invece non è normale è la rinuncia ad uscire da soli per una passeggiata rigenerante per paura di dover incontrare sul proprio cammino dei malintenzionati. Bisogna evitare di cadere nella psicosi: la paura c’è, inutile negarlo, ma non deve degenerare.

Proprio ieri pomeriggio, tra l’altro, è arrivata in redazione una telefonata da parte di una testata nazionale. Dall’altra parte del telefono ci hanno chiesto informazioni sulla vicenda: abbiamo risposto che sarebbe stato più giusto sentire gli inquirenti ed i familiari. Poi ci hanno chiesto se dalle nostre parti fatti del genere capitano abitualmente. Abbiamo risposto ovviamente di no, perché è così. Facendo le dovute proporzioni con altri luoghi, difatti, possiamo ancora dire che la qualità della vita nelle nostre zone, anche a livello di sicurezza, non è poi così male. Tuttavia questa vicenda, indipendentemente dal modo con cui si concluderà, speriamo con tutto il cuore per il meglio, lascerà sicuramente un segno in tutti noi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Offerte valide dal 24 al 30 Settembre 2020.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...