1’ di lettura

Giorgia Meloni su veto Recovery Fund: «Polonia e Ungheria non accettano un ricatto che fa schifo»

«Polonia e Ungheria hanno risposto come era facile prevedere: non si sono piegati e hanno posto il veto sul bilancio UE - sottolinea la Presidente di Fratelli d'Italia. Di chi è la colpa di questo stallo secondo voi? Di chi crede di poter comprare la libertà e la sovranità dei popoli europei o di chi le difende?»

interviene perentoriamente sulla questione del veto posto da due stati dell’Eurozona sull’importante provvedimento anti-Covid: «I cattivoni sovranisti Polonia e Ungheria mettono il veto sul Recovery Fund e la Meloni non dice nulla!” – scrive ironicamente sulla sua pagina social il Presidente di Fratelli d’Italia.

Avete sentito ripetere questa nuova litania alla sinistra e ai grillini? Ovviamente la verità è, come al solito, molto diversa da come la racconta questa gente. I soliti noti dell’eurosistema, di cui ormai fa parte anche il M5S oltre al PD, vogliono vigliaccamente utilizzare i soldi del Recovery Fund per piegare quelle Nazioni, come Polonia e Ungheria, che vogliono difendere le radici classiche e cristiane d’Europa e i propri confini dall’immigrazione illegale di massa. “Se non accettate la clausola dello stato di diritto (cioè cedere la propria sovranità all’eurosistema) niente soldi per combattere il covid”.

Quanto fa schifo questo ricatto? Al momento – ha concluso la Meloni – Polonia e Ungheria hanno risposto come era facile prevedere: non si sono piegati e hanno posto il veto sul bilancio UE. Di chi è la colpa di questo stallo secondo voi? Di chi crede di poter comprare la libertà e la sovranità dei popoli europei o di chi le difende?»

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Notizie del giorno