2 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 1.510 VOLTE

Giornata contro la violenza sulle Donne: fiaccolata per le vie di Sora con i familiari di Gilberta

Potremmo intitolare così la giornata dedicata alla testimonianza contro la violenza sulla donna. Già dal mattino l’AIPES in sinergia con l’Associazione SOS Donna, alla presenza di un pubblico numeroso e interessato, e di autorità religiose , il Presidente della Caritas Diocesana e civili, con la persona del prefetto. Ancora una volta, i due sodalizi hanno dimostrato progettualità e concretezza, nel creare una pertinenza di grande utilità per avere contatti sicuri con persone perseguitate.

Nelle vetrine dei negozi era possibile ammirare i tableau creati in tema con la giornata, iniziativa dell’Associazione Iniziativa Donne. Il Presidente del Sagittario aveva espresso attraverso i mass media la necessità di dare vita ad una manifestazione semplice nella sceneggiatura ma piena di significati simbolici, inerenti il problema.

Si accollavano l’onere della manifestazione , oltre al Sagittario, l’ass. Iniziativa Donne, forte ormai della sua esperienza e l’Ass. 03039 Ducato di Sora appena costituito, che ha portato in dote la freschezza e la voglia di fare dei giovani. Alle ore 18, in p.zza S. Restituta circa 50 persone , in rappresentanza delle associazioni citate e di altre quali, SOS Donne , ASD Sora Runners Club , l’ADO , la CISL e graditissime ospiti le brillantissime Tiziana Di Vito e Manuela Abballe.

Iniziava Damiani Rodolfo, che illustrava lo svolgimento della serata e il significato di testimonianza della manifestazione, nel frattempo venivano distribuite e accesa le candele, le fiammelle della speranza e ognuno si fregiava di un ornamento rosso, simbolo del sacrificio. Seguivano alcuni interventi riconducibili alle associazioni 03039 , brave e commoventi gli accenti delle ragazze,Iniziativa Donne approfondiva il tema anche alla luce delle esperienze maturate, SOS Donne, apriva l’orizzonte degli interventi pratici e drammatici a cui le volontarie sono chiamate a partecipare, l’Ado , per bocca della Dott.ssa Gemmiti, oltre che condividere la necessità di lottare senza arrendersi e di fare fronte comune portava l’esperienza maturata nelle corsie dell’ospedale, chiudeva gli interventi la segretaria della CISL Provinciale di Frosinone Alessandra Romano, che esprimeva la condivisione sua e della CISL delle lotte contro tutte le discriminazioni e tutte le violenze e riassumeva le azioni positive portate avanti dal Sindacato a tutela delle categorie discriminate, riaffermando che la CISL con le sue strutture è disponibile a progettare e realizzare progetti di tutela.

Iniziava la seconda parte, con i ringraziamenti alla famiglia Palleschi per la sua presenza e il suo sostegno alla manifestazione, veniva anche ricordato il sostegno accordato da “Tonia la Fioraia” e da Giovanna di BellaCopia.
Venivano ricordate 10 donne , dieci casi diversi per epoca in cui erano avvenuti e per tipologia della violenza, ad ogni nome si spegneva una fiammella e alla persona restata senza luce della speranza veniva consegnata una rosa senza spine a significare la speranza fattasi realtà. I partecipanti si associavano al grido “non uccidiamo la speranza , Basta con la violenza sulle donne, Basta con tutte le violenze e le intolleranze” e si accomiatavano amichevolmente.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu