1’ di lettura

Giovane Italia: “Il sentito plauso dei cittadini per il lavoro dell’amministrazione”

Il riconoscimento è un sentimento necessario quando nasce spontaneo dal riconoscere la capacità e la prontezza come valori a cui un gruppo di persone hanno orientato il proprio agire a nome di tutti e per tutti. Il riconoscimento crea nuove riserve da esplorare ed è, questa volta, posteriore all’accertamento di un fatto, al fatto di riconoscerlo.

Come si è sempre pronti a dire di no quando le cose non vanno, così, quando la fiducia iniziale riposta negli uomini e nelle donne dell’amministrazione di Sora va a misurarsi con il metro dei fatti, si deve dare vita proprio a quel riconoscimento che è la consacrazione del merito. Dal piano deontologico i nostri giudizi devono scivolare sul piano ontologico, senza per questo perdere di vista quei valori determinabili ancora in altre e diverse circostanze.

Noi giovani, ma in realtà tutti i cittadini, diciamo grazie all’impegno severo che le azioni dell’amministrazione hanno dimostrato, diciamo grazie a tutte quelle persone che in questi giorni hanno scelto di lasciare il proprio “giardino innevato” per dedicarsi alla “piazza comune”, a quel bene che non è il “mio” ma è il “nostro” e proprio per questo è anche il “mio”, a quel bene che lascia le tasche di uno per entrare nei cuori del prossimo, per aiutare chi questa volta è rimasto un passo indietro. Di questo siamo felici, siamo felici di rendere il giusto al giusto fatto, perché garantire per quanto logicamente sia possibile il proseguimento della vita di una comunità tramite il dispiego dei mezzi, delle energie e della buona volontà, sposta la nostra attenzione dai disagi contingenti per assaporare il gusto dolce dell’aiuto reciproco, così da essere un po’ meno critici, un po’ più candidi, forse proprio come la neve bianca di questi giorni.

Paolo Guido Consigli – Presidente Giovane Italia

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Offerte valide dal 24 al 30 Settembre 2020.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...