1’ di lettura

Giulia Carnevale e la sua scuola a forma di libro: Onna non dimentica…

Nella piccola frazione aquilana venne edificata una scuola progettata dalla brillante studentessa arpinate, vittima del sisma del 6 Aprile. Ancora oggi, a dieci anni di distanza, il popolo abruzzese non dimentica e ricorda con affetto la studentessa arpinate laureanda in ingegneria.

È stato un anniversario diverso quello della scorsa notte a L’Aquila: niente gente in strada, nessuna fiaccolata. Le prescrizioni dell’emergenza COVID-19, in ogni caso, non hanno impedito al popolo aquilano di celebrare, sebbene in modo diverso, la ricorrenza più dolorosa degli ultimi anni. Alle 3:32 della notte, gli ormai tradizionali e sempre struggenti 309 rintocchi di campana hanno ricordato i nomi e i volti delle vittime che perirono nel tremendo sisma che devastò la città nella notte tra il 5 ed il 6 Aprile 2009.

Tra quelle centinaia di vite spezzate in pochi secondi dalla violenza della scossa, c’erano molti giovani studenti universitari, alcuni dei quali originari del nostro territorio: Giulia Carnevale, Marco Alviani, Armando Cristiani, Nicola Bianchi. Il loro ricordo è imperituro in tutti coloro che hanno vissuto direttamente o di riflesso la tragica vicenda del sisma aquilano. Ma è ancora più vivo tra coloro che conservano una testimonianza delle tante vite perdute in quella drammatica notte.

È il caso di Onna, frazione del capoluogo abruzzese, la più colpita del vastissimo comune dell’Aquila, uno dei più estesi d’Italia. 50 famiglie residenti, 50 morti: un’ecatombe. Qui, qualche mese dopo il sisma, venne costruita una scuola, una scuola speciale, un’edificio «a forma di libro da aprire e sfogliare» progettato proprio da Giulia Carnevale, laureanda in ingegneria, per la sua tesi.

A distanza di dieci anni dalla realizzazione dell’edificio, la comunità locale non ha dimenticato il dolce viso di quella brillante studentessa arpinate, cui naturalmente è intitolata la scuola. Questo messaggio che il Sig. Sergio ha inviato ieri alla nostra redazione, testimonia il grande affetto della comunità locale nei confronti della sfortunata ragazza: «Non so come fare ma tramite voi, da Aquilano vorrei mandare un abbraccio ai genitori di Giulia Carnevale alla quale sarò sempre grato per quello che ha lasciato al nostro paesino di Onna».

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Farmacia Sciarretta

Il servizio consiste nella consegna gratuita dei farmaci a domicilio.

Jolly Group

Una nuova stagione è appena cominciata, una squadra ambiziosa è pronta a regalarci grandi soddisfazioni, una società seria e appassionata merita tutto l'appoggio necessario.