6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 353 VOLTE

Gli incontri culturali del mese di Aprile del Centro di Studi Sorani “V. Patriarca”

Anche  nel mese di Aprile sono previsti gli incontri culturali a cura del Centro di Sudi Sorani “V. Patriarca”. Si terranno  nei giorni 3, 13, 20, 24 e 27, tutti interessanti e meritevoli di attenzione. Il mese di Aprile chiude la ricca stagione di arte, cultura e storia che ha caratterizzato l’attività dell’ “Università per la promozione culturale del tempo libero”, in questo anno accademico.

Il primo incontro, quello del 3 aprile alle 17,30, presso la sala della Biblioteca Comunale di Sora , in Via Deci, n.1, vedrà Costantino Jadecola illustrare il suo libro: “Al tempo dell’Unità fra Regnicoli e Papalini”.

Nel prologo del libro firmato dallo stesso autore, Costantino Jadecola, si legge:

“… di qua Longobardi, Normanni, Angioini, di là papi e loro accoliti; di qua una lingua di tipo napoletano-abruzzese,
di là una specie di romanesco suburbano; a non tener conto popi di tutto il resto…”: al tempo dell’Unità, centocinquant’anni or sono,
quello che è oggi il territorio della provincia di Frosinone era tutt’altra cosa. Quella, se volete, magistralmente sintetizzata da Tommaso Landolfi in un suo noto scritto anche se lo scrittore di Pico si riferiva alla non troppo convincente istituzione della provincia stessa voluta da Benito Mussolini agli inizi del 1927.
Sta di fatto che, centocinquant’anni or sono, il territorio di questa provincia era diviso in due parti più o meno uguali, l’una, quella settentrionale, di pertinenza dello Stato Pontificio, l’altra, quella meridionale, del Regno delle Due Sicilie – “papalini” gli uni, “regnicoli” gli altri, al dire reciproco – e nel bel mezzo un confine di stato che, nelle vicende che portarono all’unificazione nazionale, ebbe, come vedremo, un ruolo ben preciso.
E fu sempre per via di questo confine che metà di questa provincia, quella meridionale, venne subito annessa al nascente stato mentre l’altra metà, quella settentrionale, dovette attendere ancora ben dieci anni, cioè fino al 14 settembre 1870, per cui, se rigor di logica ci fosse, oggi dovrebbe essere solo quella meridionale in festa per i centocinquant’anni: una condizione decisamente originale che, c’è da supporre, lo fu anche allora, centocinquant’anni or sono, o giù di lì, seppur nel contesto di situazioni territoriali ben diverse collegate com’erano alle vicende dei rispettivi stati di appartenenza.
Cosicché la domanda è stata: ma, allora, in quei dieci anni, cosa accadde?…”

A questa domanda, che lui stesso si pone nel prologo, Costantino Jadecola risponde con le 180 pagine del libro,
fitto di notizie e ricco di illustrazioni e di rimandi bibliografici.

 

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu