3 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 3.829 VOLTE

Grazie a “pochi ma buoni” Sorani, da ieri 400 persone in più conoscono la bellezza di Sora

Sono arrivati a Sora da Puglia, Calabria, Abruzzo, Campania, Molise ed altre regioni, erano complessivamente in trecento tra atleti e familiari a seguito. Perché proprio a Sora? Per provare un percorso unico al mondo: partenza da un centro storico a 300 metri s.l.m., ed ascesa diretta su un monte di 1.700 metri d’altitudine, il Serra Alta, per poi risalire sul Castello di San Casto ed infine affrontare i “terribili” quanto affascinanti gradini che conducono sulla Madonna delle Grazie.

Stiamo parlando della San Casto Sky Race che si è dispuata ieri sulle montagne che cingono Sora. La competizione ha incoronato due sorani campioni regionali di corsa in montagna: Francesco Rea e Sara Petrozzi della squadra G.S. Cai Sora. Due i circuiti che hanno caratterizzato la gara: lo SKY RACE, 22 km su 1.900 metri di dislivello in salita e la SKY TRAIL, 11 km su 900 metri di dislivello negativo.

Nella prima SKY RACE ha trionfato, in 2 ore, 29 minuti e 33 secondi, Antonio Carfagnini, atleta di Scanno della Team tecnica. A seguire il sorano Francesco Rea, GS. Cai Sora, che con un tempo di 2:35’19” si è aggiudicato il titolo di campione regionale del Lazio. Terzo sul podio il molisano Antonio D’Alessandro, chiamato il “camoscio di Ripalimosani”. Per le donne, dalla Puglia, ha trionfato Emma Delfine con un tempo di 3:29’51”; seconda Petitjean Morgane, francese residente a Napoli, giunta al traguardo in 3:35’09”. Terza la sorana Sara Petrozzi, che si è aggiudicata il titolo di campionessa regionale di corsa in montagna con un tempo di 3:37’57”.

Grande soddisfazione da parte degli ideatori ed organizzatori della manifestazione, Francesco, Carlo e Davide, e di tutta la squadra G.S. Cai Sora, per la passione ed il rinnovato slancio che stanno imprimendo alla storica sezione del Cai locale, che naturalmente ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno fatto la propria parte per la riuscita della manifestazione. Appuntamento al prossimo anno, magari con un po’ di considerazione in più da parte

 

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu