24 giugno 2013 redazione@sora24.it
LETTO 654 VOLTE

Hamok Volsci campione d’Italia calcio a 7, Sora riparta dallo sport e dai giovani

Per tanti la notizia del giorno è la condanna a 7 anni in primo grado di Silvio Berlusconi per il Rubygate. Io invece voglio sottolineare un’altra cosa che ha a che fare con il numero 7, ma è distante anni luce dalle brutture della cronaca e della politica italiana. L’Hamok Volsci Sora si è laureata la squadra di calcio a sette più forte d’Italia vincendo il tricolore nella finalissima di Rimini. Superato ai tempi supplementari l’ostico Varese per 5-4. Per il team sorano uno storico successo nella più importante competizione Msp che si e’ tenuta a Rimini dal 21 al 23 giugno.

1011126_10201510992159873_738869992_n

L’Hamok si è imposta su diverse compagini provenienti da ogni parte d’Italia con partite emozionanti ed incerte fino agli ultimi minuti: nei quarti di  finale i sorani in Romagna si sono sbarazzati del Cosenza 4-3. In semifinale i ciociari hanno eliminato Firenze ai supplementari 4-3. Al cardiopalma anche la finalissima di Rimini dove l’Hamok è andato all’extratime per piegare i lombardi.  Decisivi sono stati i goal ai supplementari di Stefano Berardi contro Firenze e quello di Enrico Cirelli nella finalissima contro Varese. Quindi la grande festa testimoniata dalle tante foto postate sul facebook dell’Hamok Volsci Sora. Una squadra di amici veri tutti provenienti dal Sorano, che ha ricevuto anche tanti complimenti.

L’Hamok Volsci Sora, sotto la guida di mister Antonio Capobianco, oltre al tricolore  in Romagna, si è aggiudicato per la terza volta il campionato e titolo provinciale MPS calcio a 5, con l’impressionante score di 72 punti: 23 vittorie, 3 pari e solo 2 sconfitte. Una stagione da incorniciare segnata da tanti primati: Fabio Di Sarra, ex centrocampista del Boville, punto di forza degli imbattibili sorani ha sfondato il muro delle 150 reti. Ma il segreto del successo dei nuovi campioni d’Italia di calcio a 7 è in un gruppo di amici che condividono la passione del calcio molto affiatato.

995837_209212585897426_601386483_n

La squadra di calcio a sette più forte d’Italia e’ di Sora: Hamok Volsci Sora infatti ha vinto il tricolore nella finalissima di Rimini superando ai tempi supplementari l’ostico Varese per 5-4. Per il team della provincia di Frosinone il gradino più alto della più importante competizione Msp che si e’ tenuta a Rimini dal 21 al 23 giugno. L’Hamok si è imposta su diverse compagini provenienti da ogni parte d’Italia con partite emozionanti ed incerte fino agli ultimi minuti: nei quarti di  finale i sorani in Romagna si sono sbarazzati del Cosenza 4-3. In semifinale i ciociari hanno eliminato Firenze ai supplementari 4-3. Al cardiopalma anche la finalissima di Rimini dove l’Hamok è andato all’extratime per piegare i lombardi.  Decisivi sono stati i goal ai supplementari di Stefano Berardi contro Firenze e quello di Enrico Cirelli nella finalissima contro Varese. Quindi la grande festa testimoniata dalle tante foto postate sul facebook dell’Hamok Volsci Sora. Una squadra di amici veri tutti provenienti dal Sorano, che ha ricevuto anche tanti complimenti: “Un grande gruppo cresciuto alla grande in personalità e voglia di gioco – sottolinea il Coffee Breakbar che ha supportato l’attività dell’Hamok durante tutta la stagione – volevo ringraziarvi tutti è stato bellissimo vincere con voi tre competizioni nell’ultimo anno, ma questo è il più meraviglioso dei successi: primi in Italia, grazie ragazzi”. L’Hamok Volsci Sora guidata da mister Antonio Capobianco infatti, oltre al tricolore conquistato a Rimini, si è aggiudicato per la terza volta il campionato e titolo provinciale MPS calcio a 5, con l’impressionante score di 72 punti: 23 vittorie, 3 pari e solo 2 sconfitte. Una stagione da incorniciare segnata da tanti primati: Fabio Di Sarra, ex centrocampista del Boville, punto di forza degli imbattibili sorani ha sfondato il muro delle 150 reti. Ma il segreto del successo dei nuovi campioni d’Italia di calcio a 7 è in un gruppo di amici che condividono la passione del calcio molto affiatato.

994768_10201510844436180_1323835893_n

Sin qui il racconto dell’impresa degli “imbattibili” guerrieri volsci. Quello che mi ha riempito il cuore di buone sensazioni è stato vedere su facebook le facce allegre, soddisfatte e felici di un gruppo di giovani sorani. Evidentemente quest’ultimi hanno trovato nello sport un sano punto di riferimento. Allora mi viene spontaneo applaudire tutte le società del Sorano, in particolare quelle amatoriali, che coinvolgono tanti giovani nella sana cultura sportiva togliendoli dalla strada, dalle sigarette, dalle canne, dalle droghe, insomma dalle brutte compagnie. Penso agli istruttori delle due squadre di basket, Roscilli e Lazzarino, club che hanno vinto i rispettivi campionati, al Volley dalla Globo all’Olimpia, all’Atletica Sora, al Rugby o il tennis, ai Sora Runners e tutte le squadre di calcio amatoriali che gravitano nel circondario sorano, una terra dalla gloriosa tradizione sportiva, sia nel calcio che in altri sport. Oggi brilla una stella in più nel cielo di Sora, quella dei campioni d’Italia dell’Hamok Volsci. Speriamo che in futuro si investa di più nello sport, che favorisce la disciplina, la meritocrazia. Visto le bruttezze della società in cui viviamo, meglio coltivare una sana cultura sportiva, in particolare per la crescita psicofisica dei nostri giovani, il nostro futuro.

Sacha Sirolli

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu