6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 1.174 VOLTE

I sorani Francesco e Patrizia Parravano protagonisti a Verona

Ottima affermazioni dei  piccoli rappresentanti del ciclismo giovanile sorano, Francesco e Patrizia Parravano, al 25° Meeting Giovanile per società tenutosi la scorsa settimana a Isola della Scala (Verona) e organizzato dal locale Veloce Club Isolano (società dell’ex professionista Nicola Minali, più volte vincitore di tappe al Giro, Tour e Vuelta).

I due giovani sorani (fratello e sorella), entrambi in forze all’Unione Ciclistica Alatri diretta da Giancarlo Rossi, hanno tenuto alto il nome della città di Sora confermando l’antica tradizione per il ciclismo che caratterizza questa città.

Importante l’affermazione di Patrizia Parravano (età otto anni, categoria G 2) a questo 25° Meeting, capace di mettere alle sue spalle le altre 39 atlete che hanno preso il via nella sua batteria. Ripercorrendo la cronaca della gara la giovane atleta sorana, partita dalle ultime posizioni, nel corso dei 5 giri è riuscita a riportarsi sulle prime, controllare la gara e infine partire agli ultimi 400 metri per andare a tagliare per prima il traguardo finale, con due biciclette di vantaggio sulle immediati inseguitrici; un lunghissimo sprint, il suo, che le ha permesso di portare a casa un nuovo successo. Infatti per Patrizia sono state oltre 10 le vittorie in questa stagione, due secondi posti e il quinto posto per la specialità gimkana proprio al recente meeting; tra i titoli, 1° posto al Campionato Regionale strada come pure al Campionato Regionale gimkana, e 2° posto al Campionato Regionale sprint.

Buona anche l’affermazione di Francesco Parravano (età 11 anni a dicembre, categoria G 5) che nella prova su strada si è ritrovato a lottare con atleti di alto livello (Riccardo Ciuccarelli della Rapagnanese di Fermo, Marco Vergani della Costamasnaga di Lecco, Andrea Berzi della Bolgare (Bergamo), già finalisti il giorno prima nella specialità sprint, Alessandro Alduini della Borgonuovo di Fiuggi). La cronaca è quella di una gara tiratissima, durante tutte le 10 tornate della competizione, continui avvicendamenti in testa al gruppo, che però è rimasto sostanzialmente compatto a eccezione del sesto giro che ha visto il tentativo di fuga messo in atto da Vergani e Ciuccarelli, ripresi però nel corso del giro successivo. La svolta della gara al suono della campana che annuncia l’inizio dell’ultima tornata; il giovane sorano va alla ricerca di Vergani che sembra essere la ruota più veloce portandosi così in terza posizione. Ma di lì a poco ci sarà “il fattaccio”: l’abbruzzese Amin Crognale toglie le mani dal manubrio proprio all’inizio del rettilineo d’arrivo spostando violentemente  Vergani che conseguentemente provoca una forte sbandata del gruppo che si fraziona di qualche metro. Vano a quel punto il tentativo di recupero del piccolo Parravano che giungerà in decima posizione, poi nono per il declassamento di Crognale. Volata finale regolata da Daniele Frascatani (Moro-Viotto di Treviso) su Ciuccarelli e Berzi.

È mancata un po’ di fortuna ma non di certo la voglia di far bene per Francesco, che comunque in questa stagione annovera un secondo posto al Campionato Regionale strada e un terzo a quello sprint, oltre a numerosi altri piazzamenti (3 secondi posti, 3 terzi, 3 quarti, 3 quinti) anche fuori dai confini laziali.

Soddisfatti i genitori dei due piccoli campioni, papà Lucio (anche per lui un trascorso da ciclista) e mamma Bianca che, archiviato il 25° meeting giovanile, intendono esprimere il loro ringraziamento verso gli amici della Vomano Bike Ferrometal di Teramo della famiglia De Patre, con particolare riferimento al direttore sportivo Agostino Cortese che nel mese di agosto, durante la permanenza estiva  dei due ciclisti sorani in quel di Silvi Marina (TE), si è dedicato ai loro allenamenti unitamente agli atleti della sua squadra senza distinzione di club.

Appuntamento al 2012, al 26° meeting in quel di Costa Masnaga (Lecco);  tra qualche giorno a suonare sarà la campanella della scuola. La bici per un po’ può stare a ruote sgonfie…

Gianni Bruni

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu