venerdì 12 ottobre 2012

Il 18 ottobre dalle ore 18 nella Chiesa Cattedrale di Sora apertura della “Porta della Fede”. Presiederà la celebrazione il Nunzio Apostolico mons. Adriano Bernardini

“La porta della fede che introduce alla vita di comunione con Dio e permette l’ingresso nella sua Chiesa è sempre aperta per noi”, ha scritto il Papa nella Lettera apostolica di indizione dell’Anno della Fede. La celebrazione di apertura della “porta” è stabilita per giovedì 18 ottobre. Un evento che mons. Antonio Lecce, Amministratore Diocesano, desidera ricordare a tutta la comunità diocesana affermando che ”è importante partecipare  “coralmente”,   a questo solenne inizio di un Anno che, nelle intenzioni del Papa, è destinato a “suscitare in ogni credente l’aspirazione a confessare la fede in pienezza e con rinnovata convinzione”. A presiedere la solenne celebrazione sarà il Nunzio Apostolico in Italia, S. Ecc. l’Arcivescovo Adriano Bernardini, che  porterà  alla Diocesi la benedizione e l’incoraggiamento del Santo Padre.

Lo svolgimento della celebrazione prevede alle ore 18.00 il raduno  dei fedeli, provenienti dalle tre Valli della Diocesi , a Sora in Piazza Indipendenza, presso la Cappella di Santa Chiara nella Villa Comunale. Da qui si snoderà la processione con il canto delle litanie. Arrivati dinanzi alla porta della Cattedrale, la ”porta della fede”, l’arcivescovo  Adriano Bernardini procederà all’apertura. E tutti insieme attraverseranno Il pregevole portale del XII secolo, così descritto dalla dott.ssa Alessandra Tanzilli: “E’ formato da sette blocchi marmorei decorati da un rilievo floreale e vegetale, che, molto probabilmente, raffigura la stilizzazione dell’albero della vita e che il melograno, i tralci di vite, l’uva, le tortore e  le rosette rappresentino i simboli di fecondità e di rinascita spirituale in Dio”. Dopo l’ingresso  seguirà la concelebrazione della S. Eucaristia. Al termine tutti si porteranno nel cortile del Vescovado, dove sarà scoperta una lapide che formerà un monumento a ricordo del “nostro” Vescovo al Concilio, Mons. Biagio Musto. Con l’occasione sarà fatta memoria anche del Vescovo  Mons. Michele Fontevecchia, ricostruttore dell’Episcopio nell’immediato dopoguerra.

“L’inizio dell’Anno della Fede, ha dichiarato l’Amministratore Diocesano, mons. Antonio Lecce, è per noi anche l’inizio dell’anno pastorale, che già stiamo vivendo nella preghiera e nel dispiegamento di tutte le attività che costellano il nostro essere Chiesa in missione. Con l’impegno di  tutti e dei membri dei Consigli pastorali zonali, speriamo di ritrovarci numerosi a questo primo appuntamento di fraternità ecclesiale. Altri ne seguiranno nell’arco dell’Anno che la saggezza apostolica del Papa offre a tutti i cristiani”.

Gianni Fabrizio

Commenti

wpDiscuz
Menu