mercoledì 23 maggio 2012

Il bilancio dei primi 365 giorni dell’Amministrazione Tersigni

A quasi un anno dall’elezione della nuova Amministrazione Comunale di Sora del Sindaco Ernesto Tersigni, vogliamo informare i nostri lettori su quanto di ciò che era stato promesso in campagna elettorale è stato realizzato. A tal proposito, prendiamo come punto di riferimento il documento “Punti programmatici da completare entro il primo anno di governo della città (365 giorni)” elaborato dal Movimento 5 Stelle di Sora e sottoscritto dal Dott. Ernesto Tersigni prima del ballottaggio del 2011 (CLICCA QUI PER SCARICARLO IN PDF) ed invitiamo l’Amministrazione Comunale a fornirci la documentazione di quanto finora fatto, che prontamente pubblicheremo in questa pagina sotto ogni punto programmatico sottoscritto.

  1. Sottoscrizione del protocollo contro la criminalità organizzata con la Prefettura di Frosinone come già fatto il 3 Maggio a Cassino e recentemente ad Arpino; possibilmente anche riducendo l’importo per i quali scatta il protocollo sotto la cifra di €250.000 (per gli appalti e le concessioni di lavori pubblici) e sotto la cifra di €150.000 (per i subcontratti di lavori, forniture e servizi) e, in ogni caso indipendente dal valore, per le forniture e servizi “sensibili”. Impegno a rispettare il protocollo.
  2. Abbracciare il principio che il Sindaco sia il principale promotore delle legalità in città e che essa non sia lasciata completamente all’iniziativa delle forze dell’ordine. Valorizzazione del tavolo di coordinamento sull’ordine pubblico coordinato dal Sindaco (con questura, forze dell’ordine e altre istituzioni) esaminando prontamente i problemi di sicurezza posti dai comitati di quartiere e dalla cittadinanza e garantendo risposta a tutte le segnalazioni soprattutto per monitorare meglio attività sospette o contigue alla criminalità organizzata. Impegno a fronteggiare le attività criminali ed il rischio dell’infiltrazione di organizzazioni malavitose e di stampo camoristico. Inoltre chiediamo che la Parranza Barrese, un rito non appartenente alla tradizione Sorana ed inquietante, non sia mai più ripetuto in città.
  3. Adozione del Regolamento attuativo dei referendum consultivi comunali validi con raggiungimento del quorum del 20%.
  4. Modifica dello Statuto comunale, in particolare nell’articolo n.76 Comma 4, ed adozione di un Regolamento che fissi i criteri per l’individuazione dei rappresentanti comunali nelle società a partecipazione comunale (individuazione all’esterno del Consiglio Comunale).
  5. Promozione di comitati spontanei di zona, delle bacheche di quartiere e istituzione degli osservatori di quartiere. Adozione del bilancio partecipativo.
  6. Regolamento attuativo delle consulte.
  7. Promozione di una consulta politica giovanile permanente che sia espressione di tutte le forze cha hanno partecipato alle recenti elezioni con egual peso di tutti i gruppi.
  8. Promozione di una consulta giovanile permanente per verificare le effettive aspirazioni e le attitudini lavorative e imprenditoriali dei giovani, per orientarli nel mondo del lavoro, mediante un supporto costante che li affianchi in tutta la potenziale crescita professiona.
  9. Monitoraggio periodico con ditta esterna delle polveri PM10 e PM2,5, dell’qualità acqua potabile (incluso controlli sull’arsenico ed altre sostanze) e dell’inquinamento del Liri.
  10. Lotta dura all’evasione fiscale utilizzando tutte le informazioni in possesso del Comune per individuare e denunciare gli evasori delle imposte (anche quelle nazionali), inclusi i contratti di affitto non regolari.
  11. Impegno a tutelare il cittadino che paga, a motivare le ragioni per un addizionale IRPEF allo 0,7% ed un TARSU residenziale all’1,35 Euro/mq ed alla ricerca di soluzioni per la loro riduzione (incluso ma non limitato a riorganizzazione Ambiente SpA). Impegno a render conto ai cittadini su come gli obiettivi ai punti 10., 11. e 12. vengono perseguiti.
  12. Formazione di una commissione consultiva di controllo e monitoraggio del servizio RSU a cui è attribuita la possibilità di esprimere pareri alla Commissione Tecnica per la gestione del contratto di servizio tra Comune ed Ambiente S.p.A. ed avente un ruolo collaborativo con il Comune per la predisposizione della carta del servizio RSU.
  13. Estensione all’intero territorio cittadino della raccolta differenziata porta-a-porta entro il 31.12.2012 con l’obiettivo di raggiungere almeno il 70% di raccolta differenziata a livello cittadino entro la fine del mandato.
  14. Albo pretorio: riorganizzazione delle informazioni ed il completamento di quelle non ancora presenti, come consulenze e gare (previste dal’art. 32 della legge n.69/2009).
  15. Trasmissione in diretta streaming del Consiglio Comunale; in prospettiva di tutti gli incontri delle commissioni, con possibilità da parte dei consiglieri e del pubblico di registrare e trasmettere proprie riprese.
  16. Chiara identificazione e comunicazione al pubblico del ruolo che l’ente comunale e l’amministrazione intendono giocare nell’indirizzo e la programmazione delle attività (non solamente quelle del Distretto Tessile) volte alla creazione di lavoro e sviluppo di Sora.
  17. Piano strategico cittadino (Piano Strategico Sora 2025) per promuovere le industre tradizionali ma anche la riconversione della città verso settori industriali innovativi e in crescita. Indirizzamento di tutti i fattori per lo sviluppo individuati come parte del piano strategico cittadino: strategia, sviluppo, organizzazione, finanza e fattori abilitanti.
  18. Impegno alla lotta all’abusivismo edilizio. Promozione del rovesciamento delle priorità urbanistiche: servizi ai cittadini e la qualità della vita prima delle esigenze dei costruttori. Pianificazione degli interventi che pongano al primo posto gli interessi dei cittadini, valorizzando più le idee ed i progetti, prima che le risorse economiche o le rendite. Stop al consumo del territorio e a ulteriori cementificazioni, bloccando la costruzione di nuovi quartieri e favorendo invece il recupero e il restauro del patrimonio edilizio esistente, e comunque costruendo sulle aree da riqualificare e non su aree verdi, agricole o poco densamente abitate. Indirizzo alla riqualificazione dell’ex-Tomassi per centro/aule universitarie, scuole, centro polifunzionale, sportelli sociali, ecc., con creazione di un parco verde con area pedonale, come opera compensativa.
  19. Impegno a promuovere la realizzazione di un polo scolastico con risorse provinciali ed individuazione di un’area in cui l’amministrazioe provinciale possa realizzare un centro scolastico omnicomprensivo dotato di moderne infrastrutture a servizio della popolazioen scolare. In tal modo si porrebbe anche fine alla logica degli sprechi che degli istituti scolastici in affitto con canoni a carico dell’ente pubblico con la possibilità di redirigere i fondi verso altri usi.
  20. Creazione di un servizio wi-fi pubblico gratuito a bassa emissione (minore di 0.6 V/m come nel Principato di Liechtenstein, famoso per i sui wi-fi cafè) nelle piazze, nei parchi, nei principali luoghi pubblici da realizzare con soggetto interessato a costo zero per il comune.
  21. Adozione di un modello di gestione dell’arredo urbano devoluto a “soggetti interessati” (non necessariamente privati a fini di lucro, ma anche associazioni di cittadini e altro) con una regia comune in modo da risparmiare soldi.
  22. Organizzazione di adeguati festeggiamenti per omaggiare la figura di Vittorio De Sica per la ricorrenza del 110° anniversario della nascita. Sostituzione della lapide commemorativa con una adeguata e meno fatiscente.
  23. Adozione degli impianti fotovoltaici per alimentare gli immobili di proprietà del Comune.
  24. Impegno a migliorare sensibilmente la situazione dell’ospedale di Sora e ad influenzare con tutti i mezzi il ri-potenziamento dell’ospedale di Sora e commissione sanitaria intercomunale di contrasto al depotenziamento voluto dalla regione.
  25. Miglioramento sito internet comunale maggiormente orientato ai sevizi al cittadino e alla trasparenza (pubblicazione atti, consulenze, sintesi illustrative dei progetti, ecc.).
  26. Piano del verde pubblico con nuove piante nei viali, strade e parchi (attualmente vi sono moltissime strade prive di alberatura), anche con iniziative di adozione del verde da parte di associazioni di cittadini.
  27. Impegno per un piano di rilancio del turismo, ufficio turistico nella biblioteca, piano di riqualificazione del castello (illuminazione e taglio vegetazione infestante, premio per tesi di laurea), conservazione e valorizzazione delle emergenze archeologiche ed architettoniche, riqualificazione parco S. Domenico e conservazione ponte marmone).

Commenti

wpDiscuz
Menu