1’ di lettura

Il Comune di Sora tra gli enti sperimentatori del Sinfi. D’Orazio: «Un altro esempio che lavorare insieme per il bene comune si può»

La consigliera comunale di opposizione dem ha ringraziato il Sindaco per aver accolto la sua istanza.

Da oggi il Comune di Sora potrà utilizzare il Sinfi, il nuovo catasto delle infrastrutture, realizzato da Infratel Italia su mandato del Ministero dello Sviluppo Economico. Si tratta, nella fattispecie, di una piattaforma su cui tutti i Comuni saranno chiamati a operare quotidianamente e che nasce nell’ambito degli strumenti di programmazione e gestione del sottosuolo e soprassuolo da parte degli Enti locali.

Su interessamento del capogruppo del Pd nel consiglio comunale di Sora, Maria Paola D’Orazio, che recentemente ha ricevuto la delega Anci per il progetto Wi-fi 4 Giga, da oggi il Comune di Sora è ufficialmente inserito tra gli enti sperimentatori della fase iniziale del Sinfi, mediante il quale potrà sapere esattamente cosa c’è nel sottosuolo del suo ambito territoriale e, nel caso in cui debba autorizzare uno scavo stradale, consente di ottimizzare i tempi della pratica e di abbattere i costi dell’opera. Infatti può permettere di coordinare le attività di più soggetti, come ad esempio l’utilizzo dello stesso scavo per la posa di più condotte contemporaneamente. Inoltre, il Comune potrà ricavare le informazioni esatte circa l’utilizzo del suolo per l’esazione di Tosap e Cosap verso i gestori di infrastrutture e reti.

«Innanzitutto mi preme ringraziare il sindaco, l’architetto – sottolinea la D’Orazio – e il dirigente Pio Porretta per aver accolto l’istanza, da me presentata, di aderire a questa importante opportunità per il Comune di Sora. Lo sviluppo della nostra città, ma in generale di un territorio come la provincia di Frosinone, passa necessariamente attraverso l’adesione a nuovi sistemi che consentono a un’amministrazione di essere all’avanguardia nella gestione e soluzione delle esigenze dei cittadini. Voglio, però, sottolineare anche l’importanza del lavoro di squadra, che va inteso come tale anche quando a collaborare sono due parti diverse: questo è l’esempio che maggioranza e opposizione non soltanto possono, ma anche devono, contribuire insieme a creare occasioni preziose per la città di Sora, come nel caso dell’adesione al Sinfi che da oggi sarà attivo. Il mio obiettivo resta sempre quello che avevo anche quando ero parte integrante dell’Esecutivo e cioè portare alla città e ai cittadini il mio fattivo contributo alla loro crescita».

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Notizie del giorno