1’ di lettura

Il nipote di Antonio Valente a Sora visita il parco e l’erigendo archivio dedicati allo zio

Il 10 agosto si è recato a Sora l’ing. Daniele Gava nipote ed erede dell’architetto Antonio Valente e della moglie Maddalena Del Favero, per far visita al restaurato parco intitolato al famoso zio e ai locali che ospiteranno l’Archivio Valente-Del Favero, rimanendo ammirato e soddisfatto di tutto. L’Archivio, già in avanzata fase di allestimento a cura dell’Accademia del Leone, conterrà le opere del celebre architetto-scenografo sorano, inventore delle più geniali tecniche del teatro moderno e del cinema e si propone di essere il baricentro della cultura del territorio e non solo: infatti l’Archivio Valente per D.P.R. è stato dichiarato bene di interesse nazionale.

Per volontà della vedova di Valente, Maddalena Del Favero, e per l’impegno totale del professore , sta finalmente prendendo corpo quello che sarà un autentico scrigno delle opere del grande sorano, che ha dominato per mezzo secolo nell’architettura, nel cinema e nel teatro, lasciandoci delle invenzioni che tuttora sono insuperate.

A Sora Valente il futurista, il genio poliedrico, l’inventore di tante tecniche teatrali e scenografiche, troverà il suo naturale luogo di testimonianza della sua arte e del suo pensiero. L’Archivio Valente Del Favero doveva essere inaugurato il 30 giugno, anniversario del Maestro, ma i motivi tecnici per il cambio di amministrazione non lo hanno reso possibile, rinviandolo a data da stabilire, sperando il più presto possibile, per poter offrire al pubblico le straordinarie opere del concittadino Antonio Valente.

Nelle due foto: Antonio Mantova accompagna il nipote di Valente a visitare il parco e la galleria in allestimento.

mantova660a

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Notizie del giorno