4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 531 VOLTE

Il resoconto dell’evento del 5 Settembre in “Piazza” a Sora [FOTO]

L’evento di giovedì 5 settembre in “Piazza” a Sora è stato uno dei momenti più interessanti dell’ormai terminata estate sorana. E’ una piazza esigente la nostra e l’impressione è che il messaggio che si voleva trasmettere con uno spettacolo creato da un gruppo di amici abbia colto il segno. Lo scopo di promuovere attività sportiva e danza è stato alternato con maestria da momenti di musica, in uno spettacolo durato tre ore, retto con equilibrio e simpatia da un distinto Luca Marcelli, un sorano che si propone alla sua città con passione, rispetto e stima del suo pubblico e molta, molta professionalità. Al suo fianco una compagna artistica degna, Paola Palleschi. Eccellente l’esibizione di Marco Mauri, grande voce, dispensatore di emozioni forti. Un pensiero spontaneo ad Augusto Micucci, trascinatore ed artefice di un panorama che nulla ha di banale, personaggio che racconta nell’interpretazione, nella gestualità un senso deciso dell’umano.

Uno scritto in fondo al palco “UN SOGNO DA VIVERE: INSIEME SI PUO'”. Ecco il messaggio! L’ideatore e Patron della serata Sandro Recchia l’ha voluto sottolineare, perché un’idea è sempre figlia di un sogno, è il crederci, è l’amicizia, è la caparbietà che lo fa divenire realtà. E’ così che si sono raccolti i riconoscimenti e i successi dell’ASD di Sora; città di Sora e Ceprano femminile, del Felix factory dancing.

Unica sbavatura, la presenza assenza delle istituzioni, eventi di questo genere che nascono dall’iniziativa privata, non patrocinate dall’amministrazione comunale, vanno incoraggiate, premiate, perché la nostra comuntà ha bisogno di momenti di aggregazione come quelli di govedì sera, dove ci si sente orgogliosi dell’appartenenza. Perché grazie ai sogni, alla caparbietà, alcuni sorani hanno messo su progetti ambiziosi, raccogliendo successi in tutta Italia. Una piazza unisce o divide… dipende dal tono e dalle note profuse su un palcoscenico, tra luci ed effetti scenografici.

Elisa Pellegrini

[nggallery id=”1064″]

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu