21 marzo 2012 redazione@sora24.it
LETTO 519 VOLTE

Il Sindaco Ernesto Tersigni a proposito del servizio di fornitura idrica

A proposito di acqua… ricevo quotidianamente, da parte dei miei concittadini, telefonate di protesta per carenza assoluta di acqua nelle proprie abitazioni. Man mano che ci avviciniamo alla stagione estiva, il problema va assumendo sempre maggiori dimensioni e altrettanto cresce l’esasperazione di quanti, non solo non hanno disponibilità del prezioso liquido ma, per di più, si vedono recapitare regolarmente bollettini di pagamento da parte dell’Ente gestore Acea. Leggo, altresì, sui quotidiani il botta e risposta che da mesi vede protagonista l’Ente Provincia di Frosinone e la società Acea Ato5 e a fasi alterne, il prevalere ora dell’uno ora dell’altro. Tutto normale se non si trattasse di un bene indispensabile ma, purtroppo, così non è.

I cittadini dell’intera Provincia sono le vere vittime di questa querelle che si trascina da anni. Credo che ormai si debba addivenire, volente o nolente, ad una soluzione che porti al ripristino della regolarità della fornitura di acqua a tutti gli utenti. In particolare parlo della mia città, Sora, dove, sono sicuro che, se non si attuerà seriamente e immediatamente il ripristino delle condotte, impianti e attrezzature varie, ci si ritroverà in piena emergenza idrica nel periodo in cui l’acqua diventerà, per ovvi motivi, ancor più indispensabile. Ritengo che ai cittadini poco importi se l’acqua avrà un costo di 10 centesimi di euro in più o in meno (parliamo di 0,0001 € al litro che rappresentano 0,19 £ al litro) ma interessi solo avere la disponibilità continua di acqua nella propria rete.

Chi ricopre incarichi politici e istituzionali deve assicurare che un bene primario, quale l’acqua, sia sempre e comunque disponibile per gli utenti, cittadini di un paese civile e non da terzo mondo. Pur ringraziando l’Acea Ato5 per la disponibilità offerta quotidianamente, per far fronte alle riparazioni di perdite di acqua, sempre più frequenti e di maggior portata, non posso fare a meno di stigmatizzare l’inadeguatezza di questi interventi che sono parziali a causa delle pessime condizioni delle condutture. L’invito, allora, è quello di ripartire con i dovuti investimenti finalizzati ad interrompere l’ormai cronica carenza di fornitura idrica dell’intera città. Invito, infine, il Presidente della Provincia Antonello Iannarilli a prendere in seria considerazione la scelta di non continuare le conflittualità con l’Ente gestore perché, proseguendo in questo modo, ci vorranno anni per risolvere tutte le polemiche. L’acqua serve subito e non tra qualche anno.

Il Sindaco Dott. Ernesto Tersigni

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu