6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 308 VOLTE

Valle di Comino – Il vino bianco secco Semillon Valle di Comino diventa doc

Dopo un iter di due anni il bianco secco Semillon della Valle di Comino diventa doc. La prestigiosa denominazione di origine controllata per il vino, 85% uva Semillon e 15% proveniente da altri vigneti a bacca bianca, rappresenta una valorizzazione che impone il bianco cominense della famiglia Visocchi nel gotha dei prodotti enogastronomici da top class in Ciociaria. Il Semillon della Valle di Comino è stato iscritto nel registro nazionale al pari del Cesanese del Piglio, altro vino (rosso) tipico della provincia di Frosinone. E si va ad aggiungere alle 26 doc e alla docg (Cesanese del Piglio) della Regione. Un altro prodotto della nostra provincia entra dunque nelle eccellenze del Lazio. Da notare che, nonostante il momento di crisi economica mondiale, l’esportazione dei vini nostrani registra valori positivi. “La filiera agricola, tramite le proprie eccellenze – commenta soddisfatto Loris Benacquista, presidente provinciale Coldiretti – rappresenta, come nel caso del vino, uno strumento in grado di trasferire i valori distintivi fino al consumatore. Per questo, dobbiamo continuare a lavorare, in modo da rendere riconoscibile al consumatore il valore dell’agricoltura e dei prodotti alimentari e, in questa direzione, l’impegno di Coldiretti Frosinone, anche nel nuovo anno, sarà totale”.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu