3 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 529 VOLTE

Imparare a salvare la vita dei bambini: a Sora hanno aderito in 72

Un'ottima iniziativa ma soprattutto un atto di responsabilità a cui hanno aderito molte persone che hanno a che fare con i bambini quotidianamente.

Prosegue l’impegno di Andrea Petricca, Assessore all’Istruzione del Comune di Sora, per la promozione dei Corsi di “Manovre di disostruzione delle vie aeree in età pediatrica” all’interno degli istituti scolastici. Il Comune di Sora, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana – Comitato Provinciale di Frosinone, sta pianificando già da tempo le attività formative rivolte agli insegnanti ed al personale ATA degli istituti comprensivi della Città. I corsi dovrebbero avere inizio per la metà di settembre 2014, all’avvio del nuovo anno scolastico. Il mese scorso l’Assessore Petricca ha invitato i Dirigenti Scolastici dei tre istituti comprensivi a comunicare i nominativi degli interessati a seguire i Corsi di “Manovre di disostruzione delle vie aeree in età pediatrica”.

Queste le adesioni pervenute:
Istituto Comprensivo 1° Sora n. 12
Istituto Comprensivo 2° Sora n. 40
Istituto Comprensivo 3° Sora n. 20

Le manovre di disostruzione pediatriche sono fondamentali nel primo soccorso perché consentono di liberare le vie aeree del bambino dal corpo estraneo. L’ostruzione avviene quando, al momento dell’inalazione dell’oggetto nelle vie aeree, esso entra nella trachea anziché procedere normalmente per l’esofago. Sono manovre salvavita in quanto i bambini con trachea ostruita, se non aiutati, possono andare incontro ad anossia e, quindi, subire conseguenze gravissime, tra cui la morte. “Vista l’importanza che le manovre di disostruzione rivestono ne va favorita la massima diffusione che dovrebbe essere capillare soprattutto per il personale che opera all’interno delle scuole e dei luoghi frequentati da un alto numero di bambini – dichiara l’Assessore Petricca – Sono soddisfatto delle adesioni che abbiamo avuto dai tre istituti comprensivi della Città ed auspichiamo un coinvolgimento sempre maggiore affinché la diffusione di queste manovre possano evitare conseguenze gravissime per tanti bambini”.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu