venerdì 8 dicembre 2017 701 VISUALIZZAZIONI

In arrivo due milioni di euro per la Valle di Comino

una chiusura d’anno con i fuochi d’artificio per il territorio, che ora “vola” verso la concretizzazione di un progetto importante.

Un successo incredibile frutto di una collaborazione che ha visto scendere in campo Comunità Montana Valle di Comino e Regione Lazio per ottenere quanto in molti avevano già dato per perduto. Si tratta, infatti, dei fondi regionali per la Montagna, rimasti bloccati per anni e si parla di un importo complessivo di circa un milione e 900mila euro: saranno disponibili nelle casse dell’ente già da gennaio 2018. Di questo si è discusso giovedì 7 dicembre, nel corso del consiglio dell’ente pedemontano.

La storia di queste risorse è incredibile e vede la sua origine in un decreto regionale che da anni destina fondi alle Comunità Montane. A causa di problemi di natura amministrativa e procedurale i fondi sono rimasti bloccati per quasi un decennio, al punto che oramai si credeva fossero perduti.

A dare esaustiva spiegazione delle azioni intraprese per giungere a questo straordinario sblocco, è stato il presidente del consiglio dell’ente e sindaco del Comune di Valle Rotonda, Gianfranco Verallo. Infine, la tenacia, l’impegno e la sinergia hanno avuto ragione della burocrazia: infatti, il presidente della XIV Comunità Montana e sindaco di Belmonte Castello Antonio Iannetta, l’assessore all’ente Marco Scappaticci (sindaco di Picinisco), il sindaco di San Donato Enrico Pittiglio, grazie all’intervento dell’assessore regionale Mauro Buschini e al certosino lavoro dei tecnici della Regione Lazio, hanno ottenuto ciò che si credeva impossibile.

Questi fondi non sono vincolati ad alcuna iniziativa pregressa, questo vuol dire che potranno essere utilizzati per un’azione intensa e reale di valorizzazione e promozione dei 19 Comuni ricadenti nel comprensorio. Insomma, una chiusura d’anno con i fuochi d’artificio per la Valle di Comino che ora “vola” verso la concretizzazione di un progetto importante, ambizioso ma soprattutto realistico: il marchio unico territoriale.

Un centro di attrazione che raggrupperà eccellenze produttive, turistiche, storiche e culturali sotto un unico brand esportabile anche al di fuori dei confini nazionali. La pietra miliare è posata ed è assolutamente solida. Ora bisogna costruire il percorso che restituirà fiducia nel futuro e opportunità a questo territorio e ai suoi giovani.

Emergenza sangue a Sora: AVIS Sora invita a donare

Serve sangue 0 negativo, A negativo e B negativo. Chi non conosce il proprio gruppo può donare ugualmente: il Centro Trasfusionale dell'Ospedale di Sora farà tutte le analisi necessarie.

I più letti oggi
COTRAL SORA
1

COTRAL SORA - «Salve, volevo rendere pubblici i miei ringraziamenti ai dipendenti del Cotral di Sora, in particolar modo ai ragazzi addetti alle ...

TOMMASO FERRARI
2

TOMMASO FERRARI - Il giorno 20 Luglio 2018, alle ore 1:05, è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari, all'età di anni 96, TOMMASO FERRARI. I funerali si ...

MASSIMILIANO BRUNI
3

MASSIMILIANO BRUNI - Ieri sera nella sede del Comune in un incontro svoltosi alla presenza di una folta rappresentanza del quartiere di Via ...

I più letti della settimana
DANIELE BALDASSINI
1

DANIELE BALDASSINI - Le copertine di Facebook descrivono pensieri e stati d'animo delle persone. Su quella di Daniele Baldassini, giovane papà venuto a ...

DANIELE BALDASSINI
2

DANIELE BALDASSINI - Esprimo, a nome mio e dell’Amministrazione Comunale di Sora, sentimenti di profondo cordoglio per la prematura scomparsa di Daniele ...

PIETRO AMICUCCI
3

PIETRO AMICUCCI - Il giorno 18 Luglio 2018, alle ore 2:30, è venuto a mancare, all'età di 73 anni, il Prof. PIETRO AMICUCCI. I funerali avranno luogo il ...

X