lunedì 16 maggio 2016

In questo articolo è scritta la storia: Sora in Serie A!!! Lo racconteremo ai nostri nipoti

Una super Globo Banca Popolare del Frusinate Sora conquista la SuperLega. Non sogna stavolta Sora, niente di astratto ma tanta concretezza per la vittoria di gara 5 che scrive il finale più bello che si potesse immaginare e che le spalanca le porte dell’Olimpo del Volley Nazionale. Dopo essersi concessa l’impresa di riaprire la serie Finale Play Off Promozione Serie A2 UnipolSai dallo svantaggio di 2-0 ed essersi meritata sul campo la Finale più importante di tutta la sua vita dominando gara 3 e 4, i ragazzi di coach Colucci la vincono regalando al club Volsco la promozione ambita da sempre.

Erano sei anni che l’Argos Volley andava a caccia della promozione e oggi, al settimo tentativo battendo per 3-1 la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia, l’ha ottenuta in trasferta su uno dei campi più infuocati della pallavolo italiana, applaudita, festeggiata e inneggiata dagli oltre 250 tifosi giunti al suo seguito. Il campo ha emesso il suo verdetto dopo ben cinque incontri: Sora è la squadra più forte della Serie A2, quella che ha vinto nel punteggio, nella testa e nel cuore, quella che meritatamente la prossima stagione si confronterà con le big della cadetteria.

La Tonno Callipo ha fallito la sua prova d’appello dopo aver subito, per mano di una rivale evidentemente troppo forte, l’annullamento di due match ball, mentre Sora non esita neanche un istante alla prima e unica chance che le è concessa completando la rimonta. Tutto poteva succedere stasera al PalaValentia, ma quello che è accaduto è che la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora ha vinto il match di gara 5 per 3-1, la serie Finale 3-2, i Play Off di Serie A2 e la promozione in SuperLega. Ne poteva uscire vincitrice una solamente, e davanti al giudice supremo quale è il campo, ha trionfato la Globo con un eccezionale coach Colucci bravo a dare vigore e tranquillità ai suoi ragazzi.

Insomma, Vibo Valentia che con una mano toglie e con l’altra dà: a febbraio aveva portato via a Sora la Coppa Italia nella Finalissima del Forum di Assago e ora consegna in quelle di Fabroni e compagni il pass per la SuperLega. Così, per il secondo anno consecutivo luciderà in bacheca la Coppa Italia rimandando il ritorno nella massima serie di un’altra stagione ancora mentre la Globo si gode la meritata festa. Al fischio d’inizio del signor Marco Turtù, coadiuvato dal signor Ubaldo Luciani, la guida tecnica calabra, mister Mastrangelo, schiera il suo sestetto tipo con Pinelli al palleggio opposto a Michalovic, Forni e Presta in posto 3, Casoli e Vedovotto in posto 4, e Marra libero. Coach Coalucci risponde dall’altra parte della rete del Pala Valentia con Fabroni opposto al mancino Hoogendoorn, la coppia di centrali Sperandio e Giglioli, i martelli Rosso e Mariano, e Santucci libero.

Il big match si apre subito con giocate prepotenti che sul 3-1 fanno già richiedere due video check. 5-4 e Sora dà la prima accelerata al set per il +2 rimesso in parità dai padroni di casa sul 9-9. Il gioco è velocissimo ed entrambi i sestetti non lasciano nulla, recuperano ogni palla e ogni punto è guadagnato e non regalato. Sale una lunghezza per parte il tabellone con il diagonale di Hoogendoorn che fa suonare la sirena dello stop obbligatorio. 14-15 e Casoli ottiene il cambio palla che manda Presta al servizio dove resterà per 6 turni che scavano un solco profondo 21-15. Il destino del set come prevedibile è deciso dagli errori, qualsiasi disattenzione si trasforma in possibilità per l’avversario. E così, Hoogendoorn interrompe la striscia positiva locale, è troppo tardi per poter recuperare una dustanza troppo ampia per partite del genere. Ci provano lo stesso i ragazzi di coach Colucci con Mariano in attacco e a muro su Michalovic, ma il diagonale di Vedovotto chiude il primo set 25-20.

Stessi sestetti in campo per il secondo game al quale Vibo vuole dare la stessa impronta del precedente, ma sul 4-2 Sora volta pagina e cambia registro. Giglioli ottiene il cambio palla e poi si porta nei suoi nove metri da dove costruirà la rimonta e il sorpasso del 4-6. Richiama i suoi coach Mastrangelo che rispondono bene rimettendo i giochi in parità 7-7 ma Rosso riapre un break positivo per la Globo. Con lo stesso schiacciatore cuneese al servizio e Sperandio a bloccare per tre volte graniticamente a muro Michalovic, gli ospiti volano sul +6 del 7-13. Richiede il secondo time out discrezionale la guida tecnica locale ma i suoi ragazzi non trovano la chiave giusta per mettere in campo il loro gioco vincente. Ad aiutarli però ci pensa Sora che comincia a fare il suo bello e cattivo tempo permettendo di rientrare nel set agli avversari 18-19. Sperandio mura a uno Casoli, Mariano sfonda il block a 3 e Rosso mette a segno l’ace che vale il 18-22. La prepotenza di Sperandio per il 19-23, ma si riaffaccia sulla rete l’opposto giallo rosso che conquista il 22-23. Ferma tutto coach Colucci e alla ripresa del gioco Giglioli gli da soddisfazione con un block che fa eco ai danni dello stesso Michalovic per il set ball del 22-24. Lo emula Casoli ma la sua Tonno Callipo non riesce a portare il set ai vantaggi mentre Sora lo chiude 23-25 rimettendo il match in parità 1-1.

Partono sempre bene i padroni di casa per il 4-1 ma la Globo rincorre meglio aprendo sul 5-3 un turno positivo lungo 6 fantastiche azioni segnate dall’ace di Giglioli, i muri di Sperandio e gli attacchi di Rosso. Un 5-9 che costringe mister Mastrangelo a utilizzare entrambi i time out a sua disposizione che però nulla hanno potuto contro -un treno in corsa. Non fa né soste e né fermate Sora in questo momento per il 7-13 e 12-17 autografato da Mariano. Tenta la Tonno Callipo di rientrare nel set ma riesce solo a restare attaccata alla coda del treno per un punto a punto che accompagna le squadre alla chiusura di uno strepitoso set tutto a targa sorana. Hoogendoorn attacca e mura per il 15-21, Sperandio all’ace per il 16-22, Giglioli e Mariano a beffare il muro e la difesa avversaria per il 18-25 che porta la contesa sull’1-2.

È Sora stavolta a esordire positivamente in avvio di quarto set con il 2-4 di Hoogendoorn e Rosso trasformato nel 4-9 dallo stesso posto 4 al servizio e dal suo compagno di reparto Mariano. Un break positivo di 5-0 interrotto da un’invasione a rete. Michalovic mette a segno un ace e carica i suoi compagni che con due belle giocate ristabiliscono l’equilibrio del 9-10. Momento di gloria per l’ex Allan Verissimo che da poco subentrato a Casoli, con un lungo linea e una battuta vincente segna il sorpasso 12-11 e fa suonare la sirena dello stop obbligatorio. Si lotta punto a punto con la Globo che cresce e la Tonno Callipo che insegue. Sola ha la prima palla match ma dopo il fallo in palleggio di Rosso e l’attacco di Michalovic, lo scenario si inverte. Ferma tutto coach Colucci e al rientro in campo l’invasione locale annulla tutto. Si gioca palla su palla e i vantaggi crescono fino al 28-28 tra il frastuono di un PalaValentia degno in ordine di posto di una gara 5 Finale Play Off. Rosso guadagna un altro match ball e i suoi fedeli compagni portano la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora in SuperLega.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA – GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA 1-3

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Pinelli, Michalovic 29, Forni 7, Presta 6, Casoli 8, Vedovotto 8, Marra (L), Ferraro n.e., Korniienko, Verissimo 6, Corrado n.e., Maccarone. I All. Vincenzo Mastrangelo; II All. Antonio Valentini. B/V 6, B/P 13, muri 6.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Fabroni 1, Hoogendoorn 16, Rosso 18, Mariano 18, Sperandio 10, Giglioli 5, Santucci (L), Marrazzo, Festi, Buzzelli, Bacca n.e ,Mauti n.e., Lucarelli n.e.. I All. Fabio Soli; II All. Maurizio Colucci. B/V 4, B/P 11, muri 13.

ARBITRI: Marco Turtù, Ubaldo Luciani.
VIDEO CHECK: Mancini.
SEGNA PUNTI: Richichi.
PARZIALI: 20-25; 25-23; 19-25; 28-30.
CHIAMATE VIDEO CHECK

1° SET:
1-0 (muro Vibo Valentia)
Video Check richiesto da: Sora per verifica invasione a rete

Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Sora (1-1)
2-1 (battuta Michalovic) Video Check richiesto da: Vibo Valentia per verifica in/out
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Vibo Valentia (3-1)

9-9 (muro Vibo Valentia)
Video Check richiesto da: Sora per verifica invasione a rete
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Sora (9-10)

20-15 (attacco Hoogendoorn)
Video Check richiesto da: Sora a per verifica in/out
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Vibo Valentia (21-15)

3° SET
4-2 (muro Sora)
Video Check richiesto da: Vibo Valentia per verifica invasione a rete
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Sora (4-3)

14-19 (attacco Presta)
Video Check richiesto da: Vibo Valentia per verifica in/out
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Vibo Valentia (15-19)

4° SET
6-10 (battuta Michalovic) Video Check richiesto da: Vibo Valentia per verifica in/out
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Vibo Valentia (7-10)

11-11 (battuta Silva De Araujo)
Video Check richiesto da: Vibo Valentia per verifica in/out
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Vibo Valentia (12-11)

25-24 (attacco Mariano) Video Check richiesto da Vibo Valentia per verifica invasione a rete
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Sora (25-25)

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora

Commenti

wpDiscuz
Menu