mercoledì 13 marzo 2013

Incentivi auto 2013: solo per mille privati

Giovedì 14 Marzo partiranno partiranno gli incentivi auto 2013. Da alcuni calcoli si evince che riusciranno ad ottenere il contributo circa mille privati e diecimila tra professionisti ed aziende. Per altri, invece, con la cifra a disposizione, pari a 40 milioni di euro, si riusciranno ad immatricolare almeno 25mila veicoli. Complessivamente, a parte qualche differenza tra le previsioni, gli incentivi auto 2013 non consentiranno certamente ai venditori di spiccare voli pindarici, immaginando un periodo roseo dopo il profondo rosso degli ultimi mesi.

VEICOLI “ABILI ED ARRUOLATI” PER L’INCENTIVO
Gli incentivi 2013 saranno riservati all’acquisto di veicoli NUOVI, ovvero mai immatricolati in Italia o all’estero, non a km 0, e con emissioni di anidride carbonica fino a 120 g/km. Per usufruire degli incentivi, altresì, i veicoli dovranno avere, altresì, alimentazione elettrica, ibrida, GPL (esclusiva o bifuel) e Metano (esclusiva o bifuel). Per quel che concerne invece le tipologie di veicoli, potranno accedere agli incentivi: automobili, veicoli commerciali leggeri, ciclomotori e motocicli a due e tre ruote, quadricicli. In sostanza si tratterà di veicoli: L1, L2, L3, L4, L5, L6e, L7e, M1, N1.

A QUANTO AMMONTANO GLI INCENTIVI
I contributi avranno un massimo di 5mila euro ed aumenteranno al diminuire delle emissioni. In particolare:

  • per i veicoli con emissioni di CO2 fino a 50 g/km, 20% del prezzo di acquisto fino a un massimo di 5 mila euro;
  • veicoli con emissioni di CO2 fino a 95 g/km, 20% del prezzo di acquisto fino a un massimo di 4 mila euro;
  • veicoli con emissioni di CO2 fino a 120 g/km, 20% del prezzo di acquisto fino a un massimo di 2 mila euro.

CHI HA DIRITTO ALL’INCENTIVO
Gli incentivi auto 2013 saranno riservati a pochi intimi. Dei 40 milioni di euro a disposizione, 4,5 saranno destinati ai privati mentre il resto dei fondi verrà messo a disposizione di imprese e professionisti. L’intero pacchetto di incentivi, secondo quanto riportato da Quattroruote, sarà così suddiviso:

  • Incentivi 2013 per imprese e professionisti – 25 milioni per veicoli che producono emissioni di CO2 fino a 120 g/km; 7 milioni per quelli con emissioni fino a 95 g/km; 3,5 milioni per quelli con emissioni fino a 50 g/km.
  • Incentivi 2013 per privati: 3 milioni per veicoli che producono emissioni di CO2 tra 51 e 95 g/km, 1,5 milioni per quelli con emissioni di CO2 fino a 50 g/km;

I VEICOLI PIU’ INCENTIVABILI
Osservando la suddivisione degli incentivi si scopre che i veicoli che godranno maggiormente dei contributi statali 2013 saranno quelli con emissioni di CO2 fino a 120 g/km.

SONO LE CONCESSIONARIE A L’INCENTIVO
Per usufruire degli incentivi auto 2013, bisogna anzitutto recarsi in una concessionaria che aderisce all’iniziativa statale. La richiesta verrà effettuara direttamente dai venditori, che dovranno servirsi di un’apposita piattaforma informatica accessibile dal portale del Ministero dei Trasporti. Per accedervi, ogni venditore dovrà registrarsi in un’apposita area dove riceverà i dati necessari per loggarsi e prenotare i contributi. Entro 90 giorni dalla prenotazione, pena il mancato riconoscimento degli incentivi, i venditori dovranno, sempre attraverso la suddetta piattaforma, indicare al Ministero il numero di targa e la documentazione del veicolo (nuovo) immatricolato; dovranno, altresì, consegnare il veicolo usato ad un demolitore provvedendo personalmente a richiederne la radiazione presso lo sportello telematico dell’automobilista.

ARTICOLI CORRELATI SU INCENTIVI AUTO 2013

Incentivi auto 2013 da Giovedì 14 Marzo, ma solo per pochi “intimi”

Incentivi auto 2013: tutte le informazioni necessarie

Incentivi auto all’italiana: solo per 25mila veicoli

Attivo il sito per incentivi veicoli a bassa emissione

Incentivi auto: quali vetture?

Auto elettriche, ibride e a gas: arrivano gli incentivi, ma solo per pochi fortunati

Commenti

wpDiscuz
Menu