5 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 563 VOLTE

Iniziamo a guardare oltre la siepe (di Mike Di Ruscio)

Come ogni estate, l’arrivo del gran caldo suscita in noi il desiderio di avere una piscina comunale. Per carità, vista la situazione in cui viviamo, sia economica che sociale, e la sempre più profonda mancanza di fondi, la nostra non è certo un’esigenza di primaria importanza. Tuttavia, in questi giorni si è parlato molto di sport e proprio stamane nella nostra redazione si discuteva della poliedricità sportiva dei sorani: dalla pallavolo all’atletica, dal ciclismo al calcio, dal rugby al tiro a volo, ecc.

Tale vocazione, purtroppo, viene spesso ostacolata dall’avere a disposizione strutture poco adeguate e maltenute. Sarebbe auspicabile, a mio avviso, pensare ad una struttura polivalente da realizzare, ad esempio, nello spazio occupato dallo Stadio Panico, dove troverebbe posto anche la nostra sospirata piscina comunale.

Molte volte si è parlato di una struttura del genere e di acqua sotto i ponti ne abbiamo vista passare molta: oggi crediamo sia arrivato il momento di iniziare a pensare più seriamente alla suddetta ipotesi, magari coinvolgendo qualche privato per quanto riguarda la manutenzione e gestione, che a mio avviso sarebbe insostenibile dal solo Comune.

Si dice sempre che un politico “con la P maiuscola” si riconosca dalla sua lungimiranza nel saper guardare al di la della siepe:  purtroppo i molti che si sono avvicendati, tra alti e bassi, hanno sicuramente dato contributi fattivi alla città, ma mai sono stati capaci di guardare oltre. Dunque, iniziamo a pensare con una nuova mentalità ed a progettare il nostro futuro nella consapevolezza che, ad esempio, lo Sport può anche essere legato alla Cultura e che quest’ultima non esclude il Turismo, il Commercio, il Sociale, ecc. Iniziamo a ragionare con occhi diversi e, perché no, con un pizzico di follia e coraggio in più.

Mike Di Rucio – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu