Isola del Liri candidata a Città Creativa UNESCO per il 2019

L'annuncio del Sindaco Quadrini, che parla con orgoglio della “Manchester italiana”.

Il Sindaco di Isola del Liri, Vincenzo Quadrini, con mandato della Giunta Comunale, ufficializza la candidatura di Isola del Liri a Città Creativa UNESCO per il 2019. Una sfida con altre città italiane e provenienti da tutto il mondo, che impegnerà Isola del Liri in un difficile percorso, volto al raggiungimento del prestigioso riconoscimento internazionale.

“Isola del Liri città creativa UNESCO rappresenterebbe un importante traguardo per noi isolani, per i miei concittadini che nella storia hanno dimostrato di essere operosi, che hanno fondato sul lavoro delle proprie mani tutta la loro vita, specializzandosi in attività produttive della filiera della carta, facendoci conoscere nel mondo come “Manchester italiana” per il settore cartario, le cui tracce sono visibili in un patrimonio edilizio imponente di “archeologia industriale” (Lefebvre, Boimond, CRDM). Ho sempre ritenuto che tutto il nostro patrimonio culturale andasse sostenuto, valorizzato, fatto conoscere soprattutto alle nuove generazioni: Isola del Liri oggi, al pari di tante altre città moderne, cerca una riscoperta identità tra le proprie peculiarità, tra le unicità che caratterizzano il territorio, sia a livello ambientale (le acque, il fiume, le cascate uniche al mondo), che sociale ed occupazionale (le industrie della filiera della carta), quindi anche e soprattutto a livello culturale.  Questi elementi vanno reinterpretati con sforzo di creatività, interconnessi e messi in rete, cioè vanno trasformati e resi il motore di un nuovo processo di sviluppo. La competizione sarà accesa, ma sono sicuro che possiamo tener testa alle altre città candidate attraverso il sentimento di orgoglio ed amore che gli isolani hanno per la propria città: li invito tutti pertanto a partecipare attivamente al processo di candidatura, a tutte le iniziative che l’Amministrazione Comunale di Isola del Liri porrà in essere, e mi rivolgo anche a tutte le associazioni presenti sul territorio, sempre molto attive e sensibili a questo tipo di progettualità oltre che al mondo economico, così che sia massima la risonanza della nostra proposta presso le istituzioni locali, regionali, nazionali e UNESCO, e sia sempre più vicino l’ambizioso obiettivo di riconoscimento a città creativa UNESCO. Il nostro patrimonio culturale sarà il fondamento del nostro progetto creativo di candidatura, rappresenterà l’inizio di un nuovo percorso per la città. A me piacciono queste sfide. L’UNESCO ci mostra le porte del futuro, a noi spetta di aprirle, ma sempre insieme ai cittadini. Solo così si vince”.

SPONSOR

L'apertura fino alle 22 del supermercato situato a San Giuliano è già attiva.