martedì 17 luglio 2018 854 VISUALIZZAZIONI

La Banda dell’Aeronautica ad Arpino

Resoconto della serata a cura di Rodolfo Damiani.

Con l’avvento delle moderne tecniche costruttive e le necessità di spostamento sempre più pressanti ,andiamo verso città anonime funzionali allo scopo per cui sono progettate, in effetti sono tutto meno che città a misura d’uomo.
La città di Arpino è esattamente l’opposto , rivela immediatamente i suoi notevoli caratteri storici, culturali, artistici , passeggiare, affacciarsi dai varchi fra le costruzioni che sono belvedere naturali , gradire il silenzio dei chiassuoli creati da stradine che vivono ancora nel passato, danno la sensazione di aver trovato un luogo cui fa piacere tornare.
A queste caratteristiche fondamentali e strutturali non va dimenticata l’azione lungimirante di Amministrazioni , che hanno sempre tenuto ai caratteri storici e culturali della città, con restauri adeguati e destinazione d’uso di edifici storici a manifestazioni culturali, a mostre permanenti, ad uso di associazioni di interesse sociale.

Soprattutto in estate Arpino si distingue per dare vita a spettacoli che richiamano usi e costumi agro-pastorali, con gruppi di grande effetto scenografico a rappresentare le contrade storiche , ma non dimentica la cultura quella classica , ormai presentata a livello internazionale, celebrata con il “Certamen “, di appuntamenti e di generi ce ne sono oltre ogni previsione basti pensare a personaggi come il “Cavalier d’Arpino” e ai suoi epigoni.

Malgrado la varietà delle risorse, l’Amministrazione di Arpino riesce ancora a sorprenderci favorevolmente, il 13 c.m. ha voluto ricordare i 10 anni della costituzione della locale sezione dell’ASSOCIAZIONE ARMA AERONAUTICA e i 150 del Musicista Arpinate Carlo Conti , ritenuto da Rossini il miglior contrappuntista allora vivente, con una serata preziosa , un cammeo incastonato fra le tante e pregevoli manifestazioni : il Concerto della Banda Musicale dell’aeronautica Militare , diretta dal M° Patrizio Esposito.

Sorpresa nella sorpresa, non abbiamo assistito al solito repertorio delle Bande Militari, ma un programma che ha sapientemente miscelato musica operistica, brani classici leggeri, il fascino del Jazz, musica descrittiva con qualche nota di stile e un singolare e delicato folk messicano. Le Ouverture di Norma di Bellini e dell’Italiana in Algeri di Rossini, hanno permesso di apprezzare la delicatezza e l’appropriatezza di esecuzione di spartiti , proprio perché interpretati molto spesso inducono gli orchestrali a darne interpretazioni sciatte e usuali.

West Side Story, di Bernstein, la versione proposta è riuscita a trasmettere ben distinti ma in una sequenza unitaria, quasi conseguente, i temi più acclamati della commedia : Something’s Coming – Maria – America – Somewhere – Tonight – Gee – I feel pretty – One handla scelta , one hart – Cool. Benny Goodman con Memories, ammirevole arrangiamento dei temi di una leggenda della musica, di un autore ed esecutore che ha caratterizzato un’epoca.
Danzon n.2 , di Marquez , ribadisce la scelta fatta dal M° Esposito di sperimentare le potenzialità della Banda attraverso spartiti che rappresentano il nuovo e aprono orizzonti diversi ai programmi dei concerti.

Si nota la lezione del folklore messicano , reso con una delicatezza e una compostezza da lied alla Chopin.
Per ultimo ma non ultimo Paris scketches di Martin Ellerby , sono rimasto affascinato da questo brano che dovrebbe essere descrittivo , certamente lo è, ma all’interno ho rilevato passaggi della partitura di grande modernità, come se l’autore accennasse vagamente alla reminiscenza dodecafonica, a spunti dalla Sinfonia per Leningrado, a Finlandia con i timpani tribali e le riprese dei fiati. Ottima scelta che rivela un Maestro che pur non disdegnando i classici , vuole sperimentare ed esplorare il nuovo.

Non poteva essere altrimenti visto che la Banda rappresenta l’Arma che opera FORTIUS ALTIUS CITIUS
Pubblico numeroso che ha ringraziato con ripetute Standing Ovation , il M° Esposito, i Musicisti, Il Col. Simeoni dello Stato Maggiore, il Presidente Rea dell’AAA di Arpino e il Sindaco Rea Renato che ha ringraziato calorosamente gli ospiti e ha fatto loro omaggio del simbolo di Arpino.

POLIAMBULATORIO CE.RI.M. - Estate, vacanze e Sole: la Dott.ssa Alessia Pacifico spiega l'importanza della fotoprotezione

PUBBLIREDAZIONALE - Con i preziosi consigli della Specialista in Dermatologia del Poliambulatorio Ce.Ri.M. di Sora, potremo gestire al meglio l'esposizione della nostra pelle ai raggi solari.

L'Ospedale di Sora (e non solo) ha bisogno di sangue

PUBBLIREDAZIONALE - Sarà possibile donare dal Lunedì al Sabato, dalle ore 8 alle 11.

I più letti oggi
SORA CALCIO
1

SORA CALCIO - Un Sora Calcio sempre più in palla batte nettamente per 5-0 il Real Cassino nella quinta amichevole precampionato. I bianconeri, ...

I più letti della settimana
ALESSANDRO FABRIZI
1

ALESSANDRO FABRIZI - La serenità assoluta in ogni suo sguardo, quasi a voler rassicurare tutti coloro che in queste ore si sentono vuoti, ...

TERREMOTO SORA
2

TERREMOTO SORA - Un terremoto di magnitudo si è verificato questa sera alle 23:48. L'epicentro del terremoto è stato localizzato a 187 km a est di Roma ...

ANTONIO ZINCO
3

ANTONIO ZINCO - Nei giorni scorsi la signorina Paola Bianchi, giovane diversamente abile di Isola del Liri, è rimasta bloccata in casa a causa ...

X