5 anni fa

La Caritas di Sora Aquino Pontecorvo in campo. Per condividere, informare, formare (di Antonella Piccirilli)

In questi primi mesi del 2013 – a partire da febbraio fino alla scorsa settimana – la Caritas diocesana ha messo in atto alcune attenzioni di sensibilizzazione e di formazione, dedicate a due zone pastorali in particolare: quelle  di Aquino e della Valle del Liri. Due serie di incontri per gli operatori pastorali della carità, uno realizzato a Roccasecca Scalo, nei locali della parrocchia di Santa Maria Assunta, per la zona di Aquino, l’altro per la Valle del Liri, svoltosi nel salone parrocchiale, a San Lorenzo, Isola del Liri.

È stata un’occasione che ha visto in campo l’intera equipe diocesana della Caritas, intervenuta con varie tematiche, in un quadro ecclesiale che spiega “che cosa si fa” in Caritas: dalla prima accoglienza all’ascolto, dall’accompagnamento in casi di particolare difficoltà economica all’osservatorio permanente delle povertà e delle risorse; il tutto vissuto in modo da suscitare nella comunità ecclesiale e civile  una sensibilità e una buona prassi che faccia lavorare in rete le varie Caritas  parrocchiali fra loro, con la Caritas diocesana e le istituzioni presenti nel territorio, non tralasciando ovviamente di dare nuove risposte  alle emergenze che sempre più spesso si presentano.

Sono state raggiunte nel complesso diverse decine di persone che hanno già al loro attivo molti anni di servizio presso le Caritas parrocchiali e zonali, oltre ad alcune persone sensibili al servizio Caritas, animate dalla voglia e l’entusiasmo di mettersi in gioco. L’obiettivo per tutti è la formazione, per uscire dal modello di sola assistenza e di semplice emergenza, per approdare ad un quadro ampio, che ci veda  attenti operatori ecclesiali, dentro la Chiesa, a nome della Chiesa, per testimoniare la carità, sensibilizzare e animare comunità, persone, istituzioni al tema sempre più impegnativo delle fragilità e delle risorse presenti nel territorio.

Tutto nasce per rispondere con cuore aperto alle situazioni, ascoltare e accogliere i problemi concreti e spesso complessi di tante persone che bussano alla porta delle nostre comunità: persone e famiglie da accompagnare, per tentare di restituire dignità, sostenere fragilità, mantenendo collegamenti sia con le istituzioni che con le altre Caritas parrocchiali. Alla presenza di nuovi e antichi scenari di povertà, la Caritas diocesana continua a mostrare la volontà di mettersi  continuamente in gioco per trovare le risposte possibili, farsi carico di persone e situazioni da ascoltare, accompagnare, conoscere, per dare almeno qualche segno del desiderio di migliorare un clima sempre più carico di relazioni tese, di lavoro carente o assente, di economia familiare che non decolla.

Gli incontri di Roccasecca e Isola del Liri vogliono diventare semi di speranza per la nostra gente, e un modo concreto di annunciare il Vangelo oggi: è questo il motivo del coinvolgimento degli operatori pastorali della Caritas e della loro azione concreta a favore degli ultimi, perché si sentano amati, accolti, sostenuti nelle incertezze del cammino. A tutti auguriamo: buon servizio!

Commenti

wpDiscuz
Menu