18 luglio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 707 VOLTE

La FAND, Associazione Italiana Diabetici, contro il governo Monti

Riceviamo e pubblichiamo, su segnalazione di un nostro lettore diabetico, il seguente comunicato stampa a firma della FAND Associazione Italiana Diabetici.

Diabetici di tutta Italia contro il Governo Monti. Lo annuncia la FAND, Associazione Italiana Diabetici che accoglie al suo interno un centinaio di associazioni sparse sul territorio nazionale. Ad aver irritato la sensibilità dei diabetici è stata la decisione di far indire una gara d’appalto alla Consip per la fornitura di un unico strumento per la misurazione della glicemia a livello nazionale, paventando un risparmio che potrebbe in realtà trasformarsi in un serio rischio per i pazienti diabetici, soprattutto per quelli che utilizzano il misuratore per dosare poi il quantitativo di insulina da somministrarsi. La Fand che ha visto il Direttivo Nazionale riunito con urgenza Domenica scorsa a Milano, ha risposto con determinazione all’azione ritenuta senza criteri di logicità intrapresa dal Governo e dalla Consip.

Il Consiglio Nazionale ha approvato un documento che stabilisce di intraprendere ogni iniziativa idonea a contrastare la gara per la fornitura di glucometri, striscette e più in generale tutto il materiale utile alla determinazione della glicemia. Ha dato mandato alla Presidente Vera Buondonno di fissare con le altre associazioni dei pazienti e della Diabetologia Italiana un tavolo comune dove stabilire le strategie comuni di tutti i Diabetici Italiani contro la gara Consip. Fra le altre cose il Consiglio Nazionale ha anche dato mandato alla Presidente di voler studiare, sempre assieme alle altre associazioni la possibilità di presentare subito un ricorso al TAR per ottenere la sospensiva della gara d’appalto. I dirigenti nazionali dell’Associazione hanno evidenziato, prove alla mano, come la gara paventi in realtà un falso risparmio, cioè una minor spesa oggi che in rapporto alla qualità di eventuali prodotti non rispondenti allo standard indispensabile per la cura del diabete, si tradurrà in un prossimo futuro in un sicuro aumento anche a livello vertiginoso dei costi di cura per i pazienti diabetici.

Tra l’altro, la qualità raggiunta oggi è stata determinata proprio dal regime di concorrenza che oggi il Governo Monti vorrebbe trasformare in regime di monopolio, nonostante la diversità degli strumenti sia un elemento fondamentale per la cura del diabetico al quale va assicurata la libertà di scelta che spetta esclusivamente al paziente e al diabetologo. Per quanto riguarda il risparmio, quello reale, la Fand propone al Governo di stabilire un prezzo che possa fare da calmiere ma che consenta una più ampia partecipazione alla gara da parte delle case farmaceutiche che allo stato attuale stanno rischiando anche di dover ridimensionare il numero di lavoratori attualmente impiegati nei processi produttivi del settore diabetologico.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu