6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 522 VOLTE

La prima festa della montagna a Settefrati “Sotto la gliuna”

Ci sarà ancora la luna piena,  domenica  notte, 19 Giugno. “Una gliuna” spettacolare,  dono della natura, che a Settefrati e, lassù, a Canneto, non si vestirà solo di rosso, come per l’eclissi totale di mercoledì scorso, ma anche di altri mille colori. Domenica  pomeriggio un evento straordinario incanterà quanti andranno prima  a Canneto, sulle cime della Valle di Comino e poi in Piazza Colle, a Settefrati, per la “prima festa  della montagna”. L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale di Settefrati, guidata dal sindaco Riccardo Frattaroli, con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo della Provincia di Frosinone, in collaborazione con la Sezione Provinciale di Frosinone del Club Alpino Italiano, con  l’ Associazione “Brigata Coniglio” di Campoli Appennino, con l’Associazione Internazionale “Calamus” di Picinisco , con la Banda Musicale di Campoli Appennino e con il contributo della Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio. Il suggestivo programma prevede varie iniziative. Alle ore 15:00 i convenuti si porteranno con una escursione fino alla “Cascata Giovanni Paolo II”, dove il papa polacco sostò, in segreto, durante la Sua improvvisa visita alla “Madonna Nera”, nel luglio del 1985. Alle ore 17:00 , presso lo stesso Santuario Diocesano di Canneto, verrà celebrata la S. Messa, animata dal Coro CAI di Frosinone. Quindi dalle 20:30, nella panoramica Piazza Colle, a Settefrati, che domina l’intera Valle di Comino, attorno al falò, proprio sotto la “gliuna”  piena, tutti potranno condividere momenti di fraternità e di gioia attraverso i canti, i suoni e le  suggestioni della montagna, con la Banda Musicale di Campoli Appennino, diretta dal M° Luigi Mastropietro,  ricordando anche il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, grazie pure al contributo artistico del Coro CAI di Frosinone, sotto la guida del M° Giuseppina Antonucci ed ancora con i brani eseguiti dal Duo Calamus di Picinisco  che vede impegnati Marco Iaconelli alla zampogna e Massimo Antonelli alla ciaramella . Voce ed anima della manifestazione sarà il Vice Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Settefrati, Antonio Bernardelli. Al termine della serata  per tutti è prevista la degustazione di pasta agli “orapi”, i ricercati e deliziosi spinaci di montagna da sempre presenti nella tradizione gastronomica locale.. Un evento, quindi, che ci auguriamo, nel futuro dovrà divenire un appuntamento abituale ed una tappa imperdibile  per l’inizio dell’”estate settefratese”. Una festa che si tiene con una cornice ed uno scenario di eccezionale pregio paesaggistico e fornendo un’occasione unica per rivivere i sapori, gli odori, le memorie, i ritmi ed i segreti di un luogo meraviglioso. E dove la natura, il bosco, il ruscello, gli alberi, il Santuario Diocesano di Canneto, la Valle di Comino ed il paese di Settefrati offrono, a piene mani, motivi di incontro, di condivisione ed un modo sano e salubre di stare insieme. Sono tutte queste le componenti di una festa sotto ”la gliuna” assolutamente da non perdere. Per tuffarsi in un angolo del nostro territorio dove tradizione, cultura, fede, natura e valori riempiranno sicuramente il cuore e lo spirito.

Gianni Fabrizio

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu