martedì 26 agosto 2014

La “STI” di Sora replica a Iacovissi: «La metafora del Sig. Rossi non si addice proprio a noi»

Non siamo né avvezzi e né disposti al confronto mediatico e dopo i chiarimenti inviati ieri, la ns. intenzione era quella di non intervenire ulteriormente, in quando abbiamo detto tutto quello che c’era da dire sulla questione. Purtroppo l’intervento del Sig. Roberto Iacovissi del “Movimento Ci Siamo” ci costringe a fare le seguenti precisazioni. La nostra società attualmente rappresenta un’importante realtà presente sul territorio sorano che opera da oltre 20 anni in tutta Italia e con le più grandi realtà industriali. Oltre ad essere certificata secondo le norme UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO 14001 e OHSAS 18001 è accreditata (da Accredia – Ente Italiano di Accreditamento dei laboratori di prova e taratura) come Centro di Taratura n. 172 per le tarature di strumenti campioni e come Laboratorio di Prova LAB n. 1209 per n. 16 metodiche di analisi chimico ambientali. Dispone di due laboratori di analisi chimiche e biologiche, uno con sede in Sora Via Tofaro e l’altro a Sermoneta (LT), ove operano Dottori laureati in chimica e in biologia con esperienza pluriennale nel settore ed anche eccellenti ricercatori.

Ciò premesso, a riguardo delle sue affermazioni, precisiamo:

1. In riferimento al D.Lgs. 31/2001 e ssmmii, art 5 comma 2 lettera b), “ Per gli edifici e le strutture in cui l’acqua è fornita al pubblico, il titolare ed il Responsabile della gestione dell’edificio o della struttura devono assicurare che i valori di parametro fissati nell’allegato I, rispettati nel punto di consegna, siano mantenuti nel punto in cui l’acqua fuoriesce dal rubinetto. A tale scopo la società STI Sviluppo Tecnologie Industriale Srl, ha provveduto ad effettuare i controlli periodici delle acque secondo quanto riportato nell’art. 6 del predetto Decreto Legislativo. Nella struttura prestano la loro opera più di 50 dipendenti.

2. In riferimento alla legalità e validità delle ns. analisi facciamo presente che il ns. laboratorio lavora in conformità alla UNI EN ISO 17025 garantisce il risultato analitico attraverso i seguenti controlli ed i requisiti richiesti dalla predetta norma, ovvero:

  • taratura periodica della strumentazione;
  • utilizzo di standard con qualità certificata;
  • qualifica degli operatori al campionamento;
  • qualifica degli operatori alle analisi.

3. Tali controlli sono stati effettuati da personale altamente qualificato con esperienza pluriennale nel settore ambientale e applicando metodiche di campionamento e analitiche ufficiali.

4. La strumentazione utilizzata per l’esecuzione delle analisi in oggetto, è costituita da un Gas cromatografo accoppiato ad uno spettrofotometro di massa. Inoltre tale sistema GC MS è associato ad un purge and trap che rappresenta un sofisticato sistema di formazione dello spazio di testa e quindi di estrazione dei solventi potenzialmente presenti nelle acque. Tale apparecchiatura, fornita dalla società Agilent, è stata acquistata a gennaio 2014 ed è di ultima generazione.

Pertanto, carissimo Sig. Iacovissi, la metafora del Sig. Rossi non si addice proprio a noi, ma rileggendo attentamente il suo comunicato, ci viene il dubbio che sia autobiografica.

Commenti

wpDiscuz
Menu