mercoledì 26 dicembre 2012

L’Albero di Natale più alto d’Italia (35m) è a Sora in Piazza Indipendenza [FOTOGALLERY]

L’Associazione Culturale Il Torrione, in collaborazione con il Comune di Sora nella persona del consigliere delegato alle Attività Produttive, Antonio Lecce, e grazie al contributo di alcuni sponsor volenterosi e sensibili, ha addobbato in occasione del Santo Natale 2012 l’abete che domina Piazza Indipendenza, situato in Via Filippo Corridoni ai piedi della Cattedrale S.Maria Assunta, in pieno centro storico. L’operazione è stata possibile grazie all’intervento di una gru fornita dalla ditta Omega.

Secondo i responsabili dell’associazione, quello di Sora è l’albero di Natale più alto d’Italia (circa 35m di altezza) ubicato in un centro cittadino: “Abbiamo già svolto varie indagini e i risultati delle ricerche sembrano darci ragione – affermano i dirigenti de Il Torrione. Tuttavia, terminate le festività, ospiteremo in città le autorità incaricate di certificare i guinness dei primati, riscontrando se la nostra convinzione corrisponde a verità come pensiamo. Questo albero, tra l’altro, è stato impiantato dopo il terremoto del 1915 e rappresenta il simbolo della ricostruzione successiva al disastro che colpi la nostra città. Pertanto, esso ha anche un enorme valore affettivo per la popolazione”.

Condividendo quanto dichiarato dai rappresentanti de Il Torrione, siamo del parere che di pari passo con la certificazione della pianta con il titolo di Albero di Natale più alto d’Italia, debba necessariamente iniziare un monitoraggio delle sue condizioni “di salute”, che certamente non sono floride. Inoltre, sarebbe opportuno pensare anche a delle potature periodiche dell’albero, in modo tale da dargli anche una forma. Nella gallery di seguito è contenuta una fotografia del 1944, scattata in occasione della liberazione di Sora da parte delle truppe neozelandesi, nella quale si vede chiaramente l’abete di cui stiamo parlando: l’abbiamo inserita per far capire che quel tronco e quei rami hanno vissuto gli ultimi 100 anni della storia di Sora, e perciò vanno tutelati con la massima cura.

Lorenzo Mascolo – Sora24

[nggallery id=818]

Commenti

wpDiscuz
Menu