giovedì 27 febbraio 2014

L’appello di un giovane sorano alla città: “Basta!”

Riceviamo e pubblichiamo, da parte di un giovane sorano, il seguente testo.

«Cara redazione questa volta vorrei che pubblichiate quest’appello per tutti i politici e le persone che leggeranno ciò che sto per dirvi. Vorrei mantenere l’anonimato firmandomi come cittadino di sora. Il mio appello è quanto segue:

Cari politici e aspiranti politici, o meglio aspiranti Sindaci, e cari sorani, è ora di dire BASTA! Basta a questa inutile lotta al potere. Basta a questa inutile lotta per difendere la propria posizione. Vi entri bene nella testa che siamo tutti sulla stessa barca. L’aria che respiro io, la respirate voi. Il cibo che mangio io, lo mangiate voi. L’acqua che bevo io, la bevete voi. E’ inutile continuare a litigare ed attaccarsi per far prevalere la propria ragione.

Se ci troviamo in questa situazione tragica è perché abbiamo avuto torto tutti. C’è ancora tempo per cambiare, e dobbiamo cambiare. Mettiamo da parte i pregiudizi politici o altro e iniziamo a collaborare TUTTI. Non è più tempo di pensare di tirare solo l’acqua al proprio mulino perché ormai abbiamo tutti il mulino in comune. Se perde lavoro una persona, soprattutto in un piccolo contesto come Sora, lo perderemo tutti. Se chiude un negozio, chiuderemo tutti.

Se una persona viene colpita da tumore causato dall’inquinamento dell’aria, allora lo prenderemo tutti. Siamo arrivati a un punto in cui il bene di uno è bene di tutti, ed il male di uno diventa il male di tutti. E voi, cari politici, siete eletti per fare il bene di tutti. Noi cittadini di Sora abbiamo il dovere di mettervi nelle condizioni ideali per soddisfare i NOSTRI bisogni. Chiedo a voi tutti, per cortesia, di mettere da parte tutte le divergenze che vi sono e di iniziare ad essere un popolo solidale, unito e di iniziare davvero a lavorare insieme per il bene di NOI TUTTI».

Un cittadino di Sora.

Commenti

wpDiscuz
Menu