4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 253 VOLTE

Lavori sul Liri, Natalino Coletta scrive a Tersigni: “Contenti per Compre, ma anche la parte bassa della città va considerata”

Egregio Sig. Sindaco,

nel Gennaio 2013 apprendemmo che nella casa comunale, si era tenuto un incontro con i tecnici dell’ARDIS per pianificare alcuni interventi manutentivi sul fiume Liri nella parte bassa della città di Sora: la notizia ovviamente ci rallegrò moltissimo, anche se è bene ricordare che i lavori da voi richiesti, erano gli stessi che il sottoscritto aveva già evidenziato nei giorni precedenti e ancor prima nel Novembre del 2011.

In rapporto a quanto rappresentato ricordiamo benissimo quell’incontro con l’ARDIS, (durato peraltro pochi minuti) come pure ricordiamo che la divulgazione della notizia fu affidata al più insensibile e distratto dei suoi collaboratori: l’Ass. Petricca, il quale si volle sbilanciare non poco, tanto da indicare anche la data di inizio dei lavori; che sarebbe stata a suo dire l’estate del 2013.

Ebbene sig. Sindaco, abbiamo atteso con fiducia e pazienza l’arrivo dell’estate, nella convinzione che iniziassero davvero i lavori spondali nella parte bassa della città; purtroppo con rammarico prendiamo atto che quanto dichiarato a suo tempo dal suo collaboratore, rappresenta di fatto “l’ennesima bufala” formulata da chi per vanità e ricerca sfrenata del consenso elettorale, continua incautamente ad occupare spazi che generalmente spettano al Sindaco.

Adesso sig. Sindaco apprendiamo attraverso sue dichiarazioni, che a breve l’ARDIS inizierà i lavori di sistemazione idraulica in località Compre in quattro punti critici; certamente tutto questo ci fa molto piacere soprattutto per i cittadini di quel territorio, ma allo stesso tempo, rinnoviamo a lei quale responsabile autentico in materia di Protezione Civile, la richiesta di tenere in debita considerazione la gravità del problema esondazioni del fiume Liri nelle zone di Agnone, Salceto, Tofaro, Baiolardo, San Domenico, così come più volte ho avuto modo di rappresentarle.

Natalino Coletta

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu