17 novembre 2012 redazione@sora24.it
LETTO 504 VOLTE

Lazio si vota il 10 marzo: Regionali lontane, Vitalizio a Minetti e Fiorito vicino (di Sacha Sirolli)

Il Quirinale traccia la road map, Napolitano apre all’election day: in Lombardia, Molise, Lazio si potrebbe votare il 10 marzo. Ma il via libera del presidente Giorgio Napolitano è condizionato da due passaggi ineludibili: il via libera alla legge di stabilità e la riforma della legge elettorale. Al termine di un vertice al Quirinale, oggi pomeriggio con le massime cariche dello Stato, Napolitano si è detto disponibile ad accorpare elezioni regionali e politiche, insieme il 10 marzo. Ora tocca  ai partiti rispettare le condizioni poste dal Colle.

Intanto leggo su ilmessaggero.it che “è saltata la norma che prevedeva l’abolizione del vitalizio per i consiglieri regionali attuali con meno di 10 anni di «servizio» e con meno di 66 anni”. Titolo: La vergogna dei vitalizi: salvi gli assegni dei consiglieri regionali
La Camera modifica il decreto sui costi della politica. Ma il provvedimento deve ancora passare al Senato. L’interessante articolo a firma di Diodato Pirone spiega bene come. Tutta colpa del comma “m” dell’articolo 2. Nel testo definitivo è scritto che l’abolizione del vitalizio ai consiglieri attuali non si applica se la Regione lo ha già abolito. Ora, sottolinea Pirone “tutte le Regioni hanno eliminato il vitalizio ma con un piccolo dettaglio: la sforbiciata scatta a partire dalla prossima legislatura. E così i 71 consiglieri attuali del Lazio (e i 14 assessori non eletti) potranno ottenere il vitalizio fra poche settimane, al termine del loro mandato. Non solo: caso unico fra le Regioni italiane, i consiglieri laziali potranno ottenerlo a soli 50 anni, sia pure con piccole penalizzazioni”.  “Anche Franco Fiorito? No, lui no. Ma – c’è sempre un ma – solo se sarà condannato per reati contro la pubblica amministrazione, come recita il comma «n». Analogo discorso sembra valere anche per l’altro caso sotto i riflettori della pubblica opinione: quello della consigliera lombarda Nicole Minetti, coinvolta nel caso Ruby”, così Pirone sul quotidiano Il Messaggero.

L’Italia deve tornare a essere un bel paese come è sempre stato. Io voglio fare i sacrifici, ma li devono fare tutti. Io voglio lavorare, ma devono lavorare tutti. Il problema vero oggi è l’equità sociale. Lo Stato non volti le spalle ai figli del popolo.

Il direttore responsabile di Sora24 – SACHA SIROLLI

 

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu