18 giugno 2013 redazione@sora24.it
LETTO 52 VOLTE

Le nostre vite non valgono meno di un piano aziendale, sia chiaro una volta per tutte

Proprio ieri sono stato informato dell’ennesima brillante prestazione fornita dall’ospedale SS.Trinità di Sora. “Il mio congiunto è stato operato in modo eccellente. Sono rimasto stupito dall’organizzazione, la dedizione e l’efficienza con cui medici e dipendenti ospedalieri hanno trattato il paziente.” Parole di un uomo di Sora, indirettamente coinvolto nella malattia di un suo strettissimo familiare.

Di contro, mi tocca leggere su IlMessaggero.it che l’atto aziendale, il cui cambiamento è stato richiesto da più parti durante l’ultima campagna elettorale, non è stato ancora revisionato. In particolare, stando alle condizioni attuali, come riportato dal quotidiano capitolino, “nel capoluogo si acutizzerà la già precaria situazione del Pronto soccorso. Non solo: ma si prevedono stop a Ematologia e Ortopedia. A Cassino, invece, si prevede una riduzione prestazionale al dipartimento Trasfusionale; ma anche qui andranno in sofferenza unità operative, come Pediatria e Ortopedia. Il pronto soccorso lo è già, visto che è stata disposta la chiusura notturna del punto di primo intervento di Pontecorvo. Non va meglio ad Alatri, dove, quasi sicuramente sarà disposto il blocco dei ricoveri a Pediatria e Ortopedia, mentre si cerca una soluzione per il Centro Trasfusionale. A Sora la musica non cambia: Pediatria, Ortopedia e Pronto soccorso sono in perenne fase critica.

Detto ciò, cari politici di destra, centro e sinistra che siete così bravi a chiederci i voti, diteci: cosa intendete fare? Nascondervi? Oppure mostrare i muscoli correndo il rischio di mettere in discussione anche i vostri ruoli, se necessario? Noi ci aspettiamo la seconda opzione, perché siamo francamente stanchi di fare sempre le corse contro il tempo. Il territorio provinciale merita un copertura sanitaria di qualità ed equilibrata in ogni dove, lo avete ribadito più volte ma finora non abbiamo visto nulla di concreto. E’ ora che tutti gli schieramenti dimostrino con i fatti i buoni propositi elettorali, perché le nostre vite non valgono meno di un piano aziendale, sia chiaro una volta per tutte.

Lorenzo Mascolo – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu