4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 1.545 VOLTE

Lo so che è Natale, ma queste cose dovete saperle! Ecco a voi i “Biscottoni mini-maxi”

Lo so, siamo quasi a Natale, ci dispiace rovinarvi la giornata. Ma nel contempo crediamo sia ingiusto non condividere con voi alcune informazioni che ieri hanno rovinato la giornata proprio a noi. Se dopo averle lette resterete passivi alias rassegnati vorrà dire che non abbiamo speranza. Se invece le frustate riportate nella seguente tabella trasmetteranno “energia attiva” alle vostre membra, ovvero voglia di impegnarvi direttamente per cambiare le cose almeno in parte, allora potremo ancora farcela.

Detto ciò, sapete cosa succede in Parlamento di notte? Succede che i nostri onorevoli “mugnai” ci preparano “biscottoni” succulenti e deliziosi, chiamati “mini-maxi”. Per “mini-maxi” tra gli addetti ai lavori parlamentari, come riportato su Il Sole 24 Ore si vuole intendere spesso l’emendamento del relatore in cui trovano posto i desiderata dei gruppi o spesso anche dei singoli parlamentari e su cui il Governo è chiamato ad aprire i cordoni della borsa. Sì, purtroppo avete letto proprio bene: il Governo è “CHIAMATO AD APRIRE I CORDONI DELLA BORSA”.

Per cosa? Per questo elenco di cose. Scorrendo la tabella, pubblicata su Il Sole 24 Ore di Giovedì 19 Dicembre 2013, tra alcune priorità condivisibili ne troverete altre davvero bizzarre. Ad esempio: 200 mila euro per un “progetto di fattibilità per ponte sullo stretto”. Ma come, non avevamo rinunciato a costruirlo? E poi, a chi verranno dati questi soldi? E perché? Oppure: Assunzioni Presidenza del Consiglio per attività collegate al semestre (di presidenza) europeo: 2 milioni. Due milioni per chi? A chi? Per cosa?

Come diceva Celentano in Svalutation del 1976? “C’è un buco nello Stato dove i soldi van giù”. Leggendo la tabella capirete che proprio grazie ai “biscotti mini-maxi” abbiamo i marciapiedi rotti, gli ospedali senza posti letto o addirittura chiusi, i mezzi pubblici con le infiltrazioni d’acqua, la benzina a due euro, i treni luridi, una pressione fiscale che non ha eguali in tutta Europa, mille altri problemi che non posso menzionare tutti insieme perché altrimenti finiremmo di scrivere a Capodanno.

In conclusione, permetteteci di sottolineare una cosa a dir poco fondamentale: tutto quanto riportato nella tabella di seguito è possibile grazie all’astensionismo ed al disinteresse dei cittadini nei confronti della politica. Cornuti e mazziati? Ci dispiace, ma è proprio così. Come si dice? Quando il gatto non c’è il topo balla. Se tutti imparassimo a fare “miao” con gli artigli in bella mostra ed avessimo l’attenzione tipica dei felini, i topi non ballerebbero più.

LEGGE_STABILITA

Lorenzo Mascolo – 24Network

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu