1’ di lettura

«Loculi pagati e mai consegnati»: funzionario comunale sospeso dall’esercizio del pubblico ufficio

La misura cautelare è stata disposta dal Tribunale del Riesame di Roma.

I Carabinieri del Comando Provinciale Frosinone con i finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone nella mattinata odierna hanno dato esecuzione, alla misura cautelare della sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio per la durata di 12 mesi nei confronti un funzionario del Comune di Villa Latina, disposta dal Tribunale del Riesame di Roma.

L’uomo, si legge nella nota stampa divulgata dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Frosinone – «nell’ambito di una attività coordinata dalla Procura della Repubblica di Cassino, dott. Alfredo Mattei, è stato indagato unitamente ad altro dipendente pubblico dell’Ente, per i reati di peculato ed induzione indebita a dare o promettere un’utilità, poiché in occasione della procedura di concessione di loculi cimiteriali, si sarebbero fatti consegnare somme di denaro da parte di privati cittadini attestando falsamente che le stesse erano dovute a titolo di imposte. In diversi casi, peraltro, il loculo non sarebbe stato nemmeno formalmente assegnato ai richiedenti.

L’attività svolta congiuntamente dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, che esalta le sinergie esistenti tra le diverse competenze delle forze di polizia, si inserisce in un più ampio quadro di collaborazione finalizzato al contrasto degli illeciti commessi dai pubblici dipendenti, a tutela dello Stato e dei cittadini».

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti