sabato 24 marzo 2012

L’ordinazione diaconale di Giuseppe Basile e di Lorenzo Vallone

“Andate e testimoniate il diaconato che questa sera avete ricevuto”. Ecco, in sintesi, le parole  di saluto  dell’arcivescovo, mons. Filippo Iannone, a Giuseppe Basile ed a Lorenzo Vallone, al termine  del rito  tenutosi domenica scorsa nella Cattedrale di S. Maria Assunta a Sora. È stata una cerimonia emozionante, toccante e partecipata. Mons. Filippo Iannone ha presieduto la Concelebrazione, imponendo le mani sui due candidati, in una chiesa gremita. C’erano i familiari commossi, i conoscenti e gli amici dei due seminaristi. Questi, dopo la processione d’ingresso, sono stati presentati all’Amministratore Apostolico, dal vicario generale, mons. Antonio Lecce. Il diaconato: un’altra  tappa importante nel  cammino di Giuseppe e di Lorenzo verso il sacerdozio. Provenienti da due diverse esperienze, hanno confermato, con  decisione, la loro adesione convinta ed il  loro “eccomi”, attraverso un profondo  percorso  di fede e di studio. “I diaconi sono stati istituiti per servire, per esercitare la carità nella comunità cristiana, ma anche per annunciare il Vangelo e proporre Cristo”, ha detto mons. Filippo Iannone durante l’omelia. Giuseppe Basile  e Lorenzo Vallone  ora, sostenuti dalla grazia sacramentale del ministero della liturgia, della predicazione e della carità, serviranno il popolo di Dio, in comunione con il vescovo di Sora Aquino Pontecorvo ed il suo presbiterio. Potranno  distribuire l’Eucarestia,  assistere e benedire le nozze, portare il viatico ai moribondi, proclamare la Sacra Scrittura per istruire i fedeli, presiedere il culto e alla preghiera dei fedeli, amministrare alcuni sacramenti e dirigere il rito funebre. Tutta la cerimonia di consacrazione si è svolta secondo un protocollo semplice. Ma una speciale solennità é emersa ugualmente per l’insieme di tanti piccoli gesti e di numerose, spontanee e  significative presenze, in un clima di intensa condivisione. Non sono voluti mancare, qui a Sora, per questa occasione, padre Nicola Albanesi, Provinciale vincenziano di Roma; padre Casimiro Stelmach, vice rettore del Collegio “Alberoni” di Piacenza con alcuni seminaristi; don Stefano Grilli a capo di un pullman di  parrocchiani di S. Giorgio Piacentino; mons. Natale Loda, della Pontificia Università Lateranense, con alcuni seminaristi del Collegio Greco di Roma; don Marco Ilari, vice rettore del Seminario di Anagni; don Gianni Buccitti, della diocesi di Frosinone; il sacerdote salesiano, don Venanzio. Naturalmente  presenti tutti i sacerdoti di Sora, molti amici di Giuseppe e di Lorenzo provenienti da Piacenza,  Sora, Vercelli, Cosenza,  S. Donato V. C., Posta Fibreno, compresi quelli di Palermo, Roma, Napoli, Reggio Emilia e Teramo conosciuti durante le “GMG”; gruppi parrocchiali di Arce, di Piacenza, della comunità calabrese residente a Sora; rappresentanti della comunità del Divino Amore, di Valleradice, della Cattedrale, di S. Restituta; la presidenza diocesana di AC, l’Ufficio Diocesano delle Vocazioni, con don Silvano Casciotti; i membri della pastorale diocesana giovanile con mons. Giandomenico Valente e le molteplici articolazioni diocesane. Il cerimoniale è stato coordinato da mons. Alfredo Di Stefano, mentre la Celebrazione Eucaristica è stata animata dal Coro Polifonico della Cattedrale e dalla Corale “Armonie di Valleradice” ,  sotto la direzione dal maestro Alessandro Alonzi, con le voci soliste di Valentino Marzano, Pierluigi Di Cicco, Marilena Vozza e Martina Parravano; il servizio  all’organo è stato del  maestro Mario Mancini. Il libretto, per seguire le varie fasi della ordinazione diaconale,  è stato preparato dall’Ufficio Liturgico Diocesano e curato dal grafico e maestro d’arte, Gabriele Pescosolido. Su tutto e su tutti, all’interno della Cattedrale sorana, ha dominato l’icona centrale del  Crocifisso del XVI secolo, illuminato da luci  tenui e soffuse, in un’atmosfera di  serenità, di gioia e di compartecipazione. Terminata la cerimonia un groviglio di mani e di abbracci hanno stretto Giuseppe Basile e Lorenzo Vallone. Una generale prova di amicizia, di simpatia e di affettuosa cordialità. È seguito, nel salone del seminario, un altro momento di  fraternità. Qui i due nuovi diaconi hanno continuato a salutare la marea di amici e conoscenti. Entrambi i diaconi,  senz’altro stanchi ma visibilmente soddisfatti, erano pienamente convinti  di aver scelto, vissuto e condiviso l’inizio di un  segmento importante ed esaltante della propria vita cristiana, al servizio della Chiesa di Sora Aquino Pontecorvo.

Gianni Fabrizio

Commenti

Sabato 20 Gennaio Open Day al "Butterfly Institute", la prestigiosa scuola infanzia bilingue di Sora

Le porte dell'istituto saranno aperte dalle ore 9:30 alle 12:00. Il Dirigente e il personale vi illustreranno tutti i dettagli dell'offerta formativa e dell'organizzazione scolastica.

Con Punto Fresco il risparmio è cucito su misura per te! Ecco il nuovo volantino

La promozione resterà in vigore dal 18 al 30 Gennaio 2018 in tutti i punti vendita della catena.