Mario Zampi: questo sconosciuto regista Sorano, d’Inghilterra (Tiziano Rea)

Obiettivamente fa piacere apprendere dalla stampa che c’è una ragazza Sorana che, bontà sua, oltre ad essere molto bella ed impegnata nel mondo dello spettacolo è anche fidanzata con un VIP; sono sicuramente, anche queste, notizie che meritano una certa attenzione in quanto è sempre giusto dare risalto ai cittadini Sorani che si sanno distinguere.

Tuttavia devo confessare che apprendere questa notizia oggi, per quanto la cosa sia assolutamente casuale, dopo aver scritto un post in cui ho parlato di un Sorano semi sconosciuto ma che in Inghilterra si è distinto nella cinematografia, mi ha fatto vedere il lato ironico della cosa: da un lato c’era un articolo che parlava di una bella Sorana fidanzata di un VIP, dall’altro c’ero io che parlavo di Mario Zampi!
Non vi fa un po’ sorridere la cosa?
A parte che la prima domanda che dovrebbe venirvi in mente è: chi cavolo è Mario Zampi? devo confessarvi che per un attimo sono rimasto un po’ perplesso nei confronti di me stesso, poi però mi sono detto: beh ma perché non approfondire un po’ il discorso.
E quindi, la nostra concittadina soprammenzionata è brava e bella, Mario Zampi, invece, chi cavolo è?
Dunque, di Mario Zampi in Italia si sa ben poco perché, a differenza di De Sica, quando è partito, non è andato via solo da Sora ma proprio dall’Italia trasferendosi in Inghilterra.

Come detto è nato a Sora, più esattamente il primo Novembre del 1903 (quindi circa due anni dopo De Sica), Wikipedia riporta che è emigrato in Inghilterra negli anni 30 ma a cercar bene pare sia arrivato a Londra ben prima, nel 1923, quindi a 20 anni, per cui, almeno in base a queste notizie, è difficile dire se emigrò da solo o con la famiglia, come pure non saprei dire quanto tempo effettivamente è rimasto a Sora.
Potrebbe essere interessante fare una piccola ricerca presso lo Stato Civile del Comune di Sora per scoprire più precisamente dove è nato e, soprattutto, il nome dei genitori, anche per provare a capire se erano stabilmente a Sora o solo di passaggio.

Fatto è che Mario Zampi cominciò la sua carriera come attore quando era ancora in Italia, probabilmente a Roma, all’età di 17 anni.
Trasferitosi a Londra continuò per un po’ la carriera di attore partecipando, con ruoli minori, in alcuni film ed opere teatrali fin quando non venne ingaggiato dalla Warner Bros per occuparsi di montaggio e, presumibilmente, altre mansioni di natura tecnica.
Il vero salto di carriera lo fece quando, insieme ad un altro italiano, Filippo Del Giudice (originario di Trani, emigrato anch’egli in Inghilterra ma nel ’33, forse per motivi politici) fondò la Two Cities Films, una vera e propria Casa di Produzione Cinematografica che in breve tempo riuscì a sfornare film di successo fin quando, nel 1944, entrò in produzione l’Enrico V di Laurence Oliver i cui elevati (per l’epoca) costi di realizzazione determinarono la necessità di un controllo della società da parte di J. Arthur Rank (noto per aver contribuito alla creazione dei Pinewood Film Studios, la risposta inglese ad Hollywood), controllo che si fece sempre più marcato negli anni, malgrado la società di Zampi e Del Giudice continuava a produrre film di successo e che determinò nel 1947 l’abbandono di Del Giudice, traghettando Zampi sempre più decisamente dalla produzione alla regia.

Come regista Mario Zampi, a differenza dei film fin li prodotti dalla sua compagnia, che erano decisamente di natura drammatica (si pensi ai drammi shakespeariani di Amleto e il succitato Enrico V), realizzò e divenne noto principalmente per le commedie che gli diedero l’opportunità di lavorare con attori del calibro di David Niven, Peter Sellers, Terry-Thomas oltre ad aver avuto Audrey Hepburn nella sua prima apparizione da attrice professionista (nel film del 1951 Risate in Paradiso, fatto salva una breve apparizione in un film tedesco del 1948).
Zampi ha realizzato anche due film in Italia, “Ho Scelto L’Amore” nel 1953 con Renato Rascel e Nino Manfredi e “Cinque Ore In Contanti” nel 1960.
Muore nel 1963 e pur avendo, tra l’altro, contribuito non poco allo sviluppo dell’arte cinematografica in Inghilterra e persino, da italiano, dello humor inglese attraverso il Cinema, fa parte di quella selva di autori rimasti un po’ nell’ombra, soprattutto in Patria.

Ho avuto modo di leggere i messaggi di chi giustamente propone una retrospettiva o comunque di focalizzare meglio l’attenzione, da parte di noi cittadini Sorani, nei confronti di questi personaggi, Vittorio De Sica, Antonio Valente fino al dimenticato Mario Zampi.
Pensate, un Sorano che ha diretto Peter Sellers uno dei più grandi geni della storia del cinema, uno dei più grandi attori brillanti alla pari forse di un immortale Buster Keaton o Totò o forse persino Chaplin, non è pazzesco? non vi suscita un briciolo di orgoglio?!?!

Mi illudo, forse esagerando un po’, che con un pizzico di impegno da parte di tutti si possa fare questo e molto di più, ad esempio spero che chi avrà letto fino in fondo questo articolo avrà la gentilezza di apprezzarlo e, magari, di condividerlo anche… al tempo dei Social Network, che ci piaccia oppure no, il recupero della nostra storia, della nostra cultura, dei geni della nostra terra che hanno saputo distinguersi nel mondo passa anche attraverso un “like” e un “condividi”.

Tiziano Rea

Clicca qui per seguirci su Telegram e ricevere sul tuo smartphone una notifica per ogni nuova notizia. Clicca qui sotto sul bottone "Mi piace" per seguirci su Facebook:
RIMANI SEMPRE AGGIORNATO

Per ricevere in tempo reale le notifiche su tutte le nostre notizie direttamente sul tuo smartphone.

I più letti di oggi:
3.171
SORA - Commissariato: ecco dove sorgerà la nuova sede
1
CRONACA

SORA - Commissariato: ecco dove sorgerà la nuova sede

Oggi lo stabile demaniale situato in via Emilio Zincone è stato ufficialmente consegnato alla Polizia.

3.094
SORA - Imbrattato con manifesti il cantiere della Scuola innovativa dell'architetto Renzo Piano
2
POLITICA

SORA - Imbrattato con manifesti il cantiere della Scuola innovativa dell'architetto Renzo Piano

Il Sindaco di Sora preannuncia denunce alle autorità competenti nei confronti dei responsabili di queste azioni contro l'immagine ed il decoro della Città.

1.519
ARPINO - Al Tulliano torna la Notte Nazionale del Liceo Classico
3
EVENTI

ARPINO - Al Tulliano torna la Notte Nazionale del Liceo Classico

Lo storico Convitto”Tulliano”, nato ufficialmente il 2 giugno 1814 ad opera di Gioacchino Murat, re delle Due Sicilie, per "conservare la memoria del più grande oratore latino... in quel luogo ove ebbe i suoi natali”, apre le sue porte oggi dalle 18:00 alle 24:00 per vivere insieme una magnifica serata.

I più letti della settimana:
26.607
Incidente mortale nel pomeriggio, muore 39enne
1
PROVINCIA

Incidente mortale nel pomeriggio, muore 39enne

Il tragico impatto verso le 17 di oggi. Nulla da fare per la vittima.

23.884
Omicidio Serena Mollicone: ultimo decisivo atto
2
Omicidio Mollicone

Omicidio Serena Mollicone: ultimo decisivo atto

Nell'udienza preliminare del 15 Gennaio il Gup deciderà se rinviare a giudizio i Mottola, il maresciallo Quatrale e l'appuntato Suprano. In aula non ci sarà "papà coraggio" Guglielmo, ricoverato da due mesi a Frosinone per un infarto.

12.075
Un paio di scosse sismiche a distanza di 24 ore
3
PROVINCIA

Un paio di scosse sismiche a distanza di 24 ore

Tra la prima e la seconda sono trascorse 23 ore e 57 minuti.

12.075
È venuta a mancare la Prof.ssa Teresa Tatangelo
4
NECROLOGI

È venuta a mancare la Prof.ssa Teresa Tatangelo

Si è spenta ieri a Roma.

10.563
Omicidio Serena Mollicone: si torna in aula il 7 Febbraio
5
CRONACA

Omicidio Serena Mollicone: si torna in aula il 7 Febbraio

Carabinieri, familiari di Serena e Santino Tuzi ammessi come parti civili. Ora via a una dettagliata analisi di tutti i documenti, prima della decisione sul rinvio a giudizio.

Video più visti:
POLITICA

SORA - Passi carrabili: il Sindaco riferisce alla cittadinanza

Roberto De Donatis: «Non si tratta di accertamenti che definiscono la situazione in modo tassativo. Le valutazioni saranno effettuate caso per caso».

POLITICA

SORA - Chiusura viale San Domenico, il Sindaco: «Lavori necessari, ci scusiamo per il disagio»

Le dichiarazioni di Roberto De Donatis sulla chiusura del tratto di viale San Domenico compreso tra Marco Polo e la Basilica.

POLITICA

Ecco come sarà il 2020 di Sora. Intervista di fine anno al Sindaco, Roberto De Donatis

Scuola Renzo Piano, ripresa dei lavori nell'ex Tomassi dopo 15 anni, illuminazione pubblica, strade, marciapiedi, ponti lamellari, pista ciclabile e nuova scuola a S. Rosalia: il Sindaco illustra le novità dell'anno che sta per iniziare.

PROVINCIA

«Vivi con pazienza, sii forte e credi in te stesso»: l'insegnamento di Ilaria

Centinaia di persone e grande commozione ai funerali della sfortunata ragazza 24enne vittima di un drammatico incidente stradale la sera della vigilia di Natale.

POLITICA

SORA - La Farmacia Comunale diventa dal 51% al 100% di proprietà del Comune

Stop alla partnership con il privato e via al modello gestionale "in house".