1’ di lettura

CRONACA

Mascherine FFP2, FFP3 e chirurgiche: quali proteggono noi e quali solamente gli altri

Visto che non sono più introvabili come un tempo, cerchiamo di capire quale scegliere.

Il 2020 verrà ricordato (non certo con piacere), per esser stato l’anno del Covid-19 e quindi dei dispositivi di protezione utilizzati in tutto il pianeta per combattere la diffusione del virus. Tra questi, la mascherina è di sicuro quello che ha raggiunto maggior notorietà.

La mascherina prima del Covid

Nell’era “avanti Covid”, la maggioranza della popolazione mondiale non ne aveva mai indossata una, fatta eccezione per i medici, gli infermieri, i lavoratori alle prese con microparticelle cancerogene e… i cittadini orientali, che quotidianamente combattono con il grande inquinamento delle metropoli asiatiche. Dallo scoppio della pandemia in poi, invece, miliardi di persone hanno nascosto il proprio viso (ma soprattutto il sorriso, ahinoi) dietro tale oggetto.

La mascherina dopo il Covid

Se prima del Covid-19 non usavamo mascherine, figuriamoci se sapevamo la loro suddivisione in classi di protezione. Ma una volta che il virus è entrato nella quotidianità del mondo, abbiamo dovuto giocoforza renderci conto dei vari livelli protettivi. Ciononostante, ancora oggi, a quasi 9 mesi dal primo lockdown, c’è ancora chi non è a conoscenza del fatto che alcune mascherine, oltre che proteggere gli altri, riescono a proteggere anche chi le indossa.

Quale mascherina scegliere?

Anzitutto partiamo dalla sigla FFP, che sta per “filtering face piece“, ovvero maschera filtrante. Da cosa proteggono in particolare queste mascherine? Polveri, fumi e nebbie di liquidi (aerosol) inalabili. Da cosa non proteggono? Vapore e gas, ovviamente.

Più sale l’indice FFP di una mascherina, più aumenta la sua capacità di protezione. Ma in cosa consiste tale livello protettivo? Nella capacità da parte del dispositivo di trattenere una quantità il più possibile elevata di microparticelle. Ebbene: nella FFP2 è pari a circa l’89%, mentre nella FFP3 abbiamo una sicurezza eccezionale, pari a circa il 95%. In entrambi i casi il potere filtrante massimo è solo per alcune ore e le mascherine non possono essere riutilizzate.

Quindi, per assicurare a sé stessi una protezione dal Covid-19, la mascherina da scegliere è la FFP2 o la FFP3, mentre, per proteggere gli altri è sufficiente indossare una qualunque mascherina che copra bocca e naso, come la mascherina chirurgica.