martedì 23 ottobre 2012

Maurizio D’Andria (VERDI) sull’ultima udienza penale per la Turbogas di Sora: “La salute non si compra, non la possiamo vendere”

Martedì 16 scorso si è svolta, presso il tribunale di Sora, la terza udienza del processo penale contro l’ex direttore della Cartiera del Sole e tre dirigenti della Regione Lazio, accusati di aver firmato illegittimamente un atto di “diniego alla V.I.A.” per gli “impianti esistenti” e per la “nuova turbogas”. Sono comparsi il direttore generale del Ministero dell’Ambiente: Mariano Grillo, e il comandante della Polizia Locale: Pellegrini (quest’ultimo convocato dal PM).

Il comandante Pellegrini si è subito (a ragione) dichiarato all’oscuro dei fatti in quanto l’ispezione allo stabilimento di Sora è stata svolta dal capitano Dei Cicchi con i suoi agenti. Sconcerto, dunque, quando si è capito che il PM aveva sbagliato persona da convocare. E mai possibile? Si, in questo processo si.

Liberato il maggiore, è toccato ad direttore generale del Ministero dell’Ambiente: Mariano Grillo. Grillo esordisce dicendo di aver ricevuto da me copia dell’esposto fatto (vero) e dice pure di avermi subito telefonato e spiegato il fatto che secondo lui “non sussisteva” (falso). Ora, trattandosi di causa penale, le dichiarazioni rese sono rilasciate sotto giuramento. Citandomi e attribuendomi a sproposito delle comunicazioni mai intercorse per telefono, come invece lui asserisce, il direttore Grillo verrà denunciato da me per calunnia. Può essere? Si, in questo processo può essere.

Il direttore generale del Ministero dell’Ambiente, su domanda dell’avvocato di parte civile: Avv. Roberto Donarelli (che assiste l’associazione Verde Liri del presidente dott. Alessandro Rosa), ha dichiarato che la potenza termica dell’impianto turbogas è pari a 140 MW termici. Inoltre, lo stesso direttore Grillo ha dichiarato (sotto giuramento) che l’impianto in questione “non è a se stante, ma è di servizio alla produzione della carta” e dunque, non si tratta di “industria energetica” come dice la Regione Lazio, ma di “industria della carta” come dicono i fatti e l’evidenza. Comunque, come riportato nella relazione dei consulenti della Procura, a tale potenza termica dell’impianto turbogas (140 MW) và sommata la potenza termica della terza caldaia modello Monego di 60 MW termici, il che farebbe si che l’impianto totale a disposizione della Cartiera del Sole e della turbogas assommi a 200 Mega Watt termici.

La percentuale di scambio tra potenza termica e potenza elettrica dichiarato dalla stessa Burgo Group SpA e poi ripreso dai 2 consulenti della Procura è pari al 36,1% (anche se noi sappiamo che da studi di tecnici specializzati riportati sulle riviste di settore e dichiarazioni rilasciateci da ingegneri della stessa General Electric, produttrice della turbogas, il rendimento elettrico di questo impianto arriva al 55%).

ATTENZIONE perchè qui si rompono le uova: il direttore generale del Ministero dell’Ambiente dichiara che “in base al D.P.C.M. 377/88 per impianti con soglia superiore ai 50 MW elettrici, la competenza è dello Stato (ministero) e non della Regione Lazio”, come riportano anche i 2 periti della Procura. Ecco la frittata. Prendendo per buoni i soli 140 MW termici (e non 200 MW di turbogas + caldaia Monego) e applicando il tasso di rendimento elettrico della turbogas dichiarato dalla Burgo SpA e dai consulenti della Procura pari al 36,1% (e non il 55% che a noi risulterebbe), viene fuori che la potenza elettrica della sola turbogas è pari al 50,54 Mega Watt elettrici. Se la matematica non è una opinione, 50,54 è maggiore di 50 e dunque: LA COMPETENZA RISULTEREBBE ESSERE MINISTERIALE E NON REGIONALE (COME INVECE E’ ACCADUTO).

A questo punto, vorrei porre alcune domande:

  1. E’ vero che secondo l’allegato A) del D.P.R. del 12 aprile 1996 (V.I.A.) le industrie cartarie con produzione giornaliera superiore alle 100 tonnellate al giorno rientrano tra le industrie per le quali la V.I.A. è obbligatoria?
  2. E’ vero che la Cartiera del Sole produce circa 780 tonnellate di carta al giorno (come dai dati Burgo SpA) e che dunque rientra nell’allegato A) del DPR richiamato?
  3. E’ vero che secondo l’allegato B del D.P.R. citato “i progetti industriali i cui effetti ricadono anche parzialmente all’interno di aree naturali protette devono essere sottoposte alla V.I.A. obbligatoria (ministeriale o regionale)?
  4. E’ vero che i fumi e le polveri prodotte dalla turbogas della Cartiera del Sole ricadono all’interno del parco naturale regionale di Posta Fibreno e dei Monti Ernici e Simbruini (vedasi la simulazione CALPUFF della Burgo SpA)?
  5. E’ vero che secondo l’allegato D), in base agli elementi in questo indicato, la procedura di V.I.A. per la Cartiera del Sole è obbligatoria?
  6. E’ vero che la Cartiera del Sole con la sua turbogas aumenta, rispetto agli impianti pre esistenti, i consumi del gas bruciato (+ 64,32%); la produzione di anidride carbonica (+77,37%); la produzione di ossidi di azoto (+ 70,2%); del monossido di carbonio (+ 224,56%)?
  7. E’ vero che, stante la Cartiera del Sole situata al centro di un complesso abitativo con densità di popolazione superiore a 300 abitanti a km quadrato, questi incrementi di inquinanti minacciano la salute della gente?
  8. E’ vero che il depuratore in uso nella cartiera è adatto per i fanghi e non per i metalli prodotti dalla turbogas e dagli impianti pre esistenti?
  9. E’ vero che la V.I.A. e l’A.I.A. impongono che non ci siano aumenti di inquinanti emessi dai nuovi impianti rispetto ai vecchi?
  10. E’ vero che la turbogas produce almeno 11,5 tonnellate di nano polveri che si disperdono su tutta Sora (maggioranza PM2,5, vedi i dati del monitoraggio dell’aria svolto da ArpaLazio Frosinone dal 1 – 13 febbraio 2012 in piazza S. Restituta – Sora)?
  11. E’ vero che anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità e tutti gli studi medici dimostrano che le PM2,5 sono una causa predominante delle malattie cardio respiratorie e tumorali che colpiscono bambini e anziani ?
  12. E’ vero che la Burgo SpA fà un sacco di soldi al mese vendendo la corrente elettrica che produce con la turbogas?
  13. E vero che ci vogliono particolari filtri anti particolato ultra fine (PM2,5) alla turbogas per salvaguardare la salute dei cittadini di Sora, Isola del Liri e limitrofi ?

La salute non si compra, non la possiamo vendere.

VERDI SORA – Maurizio D’Andria

Commenti

wpDiscuz
Menu