5 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 783 VOLTE

Motociclismo – Il team Parravano Corse vince anche a Magione (PG)

Nel weekend del 26/27/ maggio 2012 il team Parravano Corse di Parravano Daniele ha stravinto a Magione nella gara di Endurance svoltasi nel famosissimo autodromo in provincia di Perugia. Anche questa volta l’equipaggio formato dal centauro di Sora Tonino Di Carlo e dai fortissimi fratelli siciliani Nino e Giovanni Mancuso ha sbaragliato la concorrenza. Peccato per l’assenza per per infortunio di Daniele Parravano, che proprio in questi giorni ha iniziato la riabilitazione e che, nonostante ciò, è stato presente comunque nel box per l’organizzazione di tutto il team.

Già dalle prove libere si capiva che sarebbe stato molto difficile battere la Ducati Pantah con numero di gara 323 del team Parravano. Un passo di gara e giri così veloci, quelli effettuati dai Sorani, risultati impossibili da eguagliare anche dalle fortissime quattro cilindri giapponesi (Suzuki 1.100 cc ) e dalle Moto Guzzi (1200cc).

La cronaca. Il Sabato mattina, dopo le consuete verifiche tecniche scendeva in pista il fortissimo Nino Mancuso ed otteneva la pole position siglando un tempo di 1,19,400, staccando il secondo classificato di circa 5 secondi al mattino, ridotti a tre nel pomeriggio. Tutti speravano di battere nel pomeriggio quantomeno gli altri due piloti della Parravano, ma neanche questo è stato possibile.

La domenica pomeriggio alle 15,30 arrivava il momento della gara e subito il Team Paravano imponeva un ritmo impossibile per gli avversari, con giri veloci a ripetizione tra cui il record di categoria mai effettuato in gara pari a 1.19.800 . Dopo circa 15 minuti di gara il vantaggio era già di 38 secondi ma purtroppo, per un incomprensione con il box, il Velocissimo Nino rientrava prima del tempo e il team effettuava il cambio pilota facendo entrare Giovanni. A quel punto si apriva una speranza per gli avversari diretti che speravano di superare l’equipaggio sorano, ma dopo pochi giri le speranze si scioglievano come neve al sole.

La Ducati 323, nonostante fosse di cilindrata inferiore (854cc), tornava al comando e non lo lasciava fino alla fine, vincendo con quasi un giro e mezzo sul secondo, tre sul terzo e piu di 4 al quarto. Da segnalare la grande sportività degli avversari che nel parco chiuso si complimentavano con tutto il team Parravano “piloti e meccanici” per la professionalità e capacità di gestire moto e piloti.

In verifica i commissari tecnici si complimentavano anche questa volta con Daniele Parravano per la serietà dimostrata e la capacità di aver creato una moto vincente e rispettosa del regolamento. Un successo, quello del team volsco, ottenuto anche grazie a tutti gli amici che contribuiscono costantemente per realizzare quanto sopra citato e permettere alla squadra di occupare le posizioni di vertice nella classifica generale di campionato.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu