6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 518 VOLTE

Oltre all’immondizia accumulata, una decina di siringhe a corredo dei cassonetti

Non si placano le segnalazioni relative allo stato di accumulo dei cassonetti della raccolta rifiuti. Come è capitato a molti sorani che si sono alzati questa mattina per andare a lavoro, uscendo di casa, hanno trovato immondizia da tutte le parti. Molte le segnalazioni per capire a cosa fosse dovuto questo ritardo, per la raccolta quotidiana da parte l’Ambiente S.p.a, per saperne di più abbiamo sentito Antonio Vinci membro del C.d.a della societa sorana che ci ha spiegato: “I disagi nella raccolta dipendono da uno sciopero nazionale di 2 giorni per i servizi di igiene ambientale per il contratto CCNL FISE AssoAmbiente a cui hanno aderito 24 dipendenti dell’Ambiente in maggioranza autisti e addetti alla raccolta”. Quindi la promessa:  “Da oggi la raccolta sarà effettuata come di consueto – continua Vinci – in questi due giorni di sciopero abbiamo garantito il servizio ad ospedali e scuole. L’assessore delegato D’Orazio sta lavorando bene per estendere la quota della differenziata (oggi ferma al 18%), aspettiamo solo la risposta del Conai, penso che il progetto partirà tra primavera ed estate”. Ad oggi molte zone della città sono ancora invase da immondizia, come è possibile vedere dalle foto. Si spera nella giornata di domani di tornare nello stato di normalità.

Capita anche, per chi come questa mattina alzandosi ha trovato i cassonetti pieni di immondizia, recandosi a buttare i sacchetti, di trovare una dozzina di seringhe complete di tutto, e sporche di sangue davanti i cassonetti, a rischio e pericolo di chi si reca a gettare l’immondizia. Ci auguriamo che  in futuro, questo non accada più e si trovino rimedi più efficaci per non causare accumuli del genere.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu