1’ di lettura

POLITICA

Operato Assessorato Cultura Sora: la nota di Manuela Cerqua

Il consigliere ha presentato un'interrogazione «per far capire all’Amministrazione e alla cittadinanza - sottolinea nel testo - quali siano i problemi reali dell’Assessorato e quali le misure organizzative e d’intervento che si prenderanno per superare queste criticità».

«Ogni promessa è un debito. Avevo promesso che non avrei abbassato la guardia, continuando a vigilare sull’operato dell’Assessorato alla Cultura che, fin dagli esordi, ha mostrato gravi incapacità amministrative, dal pretestuoso bando per il direttore del museo, quiescente e gratuito, che ha portato la città agli onori della cronaca nazionale, alla perdita di importanti contributi regionali, al mancato accreditamento della Biblioteca Comunale, punto di riferimento di centinaia di ragazzi.

È successo, infatti, che nel solo mese di giugno Sora sia stata esclusa da due bandi, per una perdita complessiva di circa € 30.000,00, mentre con il progetto sull’Infiorata e le manifestazioni di San Giovanni, si è piazzata tra gli ultimi posti della provincia ottenendo solo € 4.000,00 dei € 27.500,00 richiesti. A fronte di tutto ciò non vi sono però altre entrate per la cultura: siamo riusciti a perdere tutti i contributi finora concessi dalla Regione.

Continue perdite che mettono a rischio anche lo svolgimento di tutti quegli eventi, che richiedono la collaborazione delle associazioni locali, per i quali potrebbero non essere sufficienti i soli contributi derivati da sponsor privati.

Ho presentato così l’interrogazione annunciata, con la speranza di non dover più tornare sull’argomento: non si intende certo “indagare” su cause e responsabilità personali, ma capire, e far capire all’Amministrazione e alla cittadinanza, quali siano i problemi reali dell’Assessorato e quali le misure organizzative e d’intervento che si prenderanno per superare queste criticità.

Ora il Sindaco dovrà decidere se tener fede agli accordi elettorali o rispettare il patto con la città e tutelare i suoi cittadini, garantendo loro che un Assessorato così importante funzioni al meglio. C’è tempo per meditare, ne discuteremo in Consiglio ormai a settembre.

Il fatto è che le istituzioni sono chiamate a concorrere alla realizzazione di un cambiamento verso la sostenibilità e senza una visione olistica e ampia della cultura, qualsiasi politica culturale rischia di rimanere fine a se stessa, confinata in un orizzonte e in un raggio d’azione a breve termine, senza riuscire ad incidere profondamente sulla società, ma anzi indebolendo la propria rilevanza sociale e sparendo così dalle priorità del dibattito politico».

È quanto riportato in una nota a firma di Manuela Cerqua, Consigliere comunale